Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: IN CORTEO PER DIRE FUORI LA MAFIA DAL COMUNE

CATANIA: IN CORTEO PER DIRE FUORI LA MAFIA DAL COMUNE

Secondo i manifestanti, sotto accusa è il sistema intero e la sua classe dirigente. Durante il corteo richieste più volte le dimissioni del sindaco.

 

 

 

CATANIA: IN CORTEO PER DIRE FUORI LA MAFIA DAL COMUNE –

Catania. Con lo slogan “Fuori la mafia dal Comune” si è tenuto il corteo cittadino che ha attraversato la via Etnea e si è concluso a Piazza Università. Erano in tanti i partecipanti alla marcia contro la mafia, una manifestazione ha coinvolto in piazza l’opposizione sociale e politica alla giunta guidata da Enzo Bianco. Non vi era alcun simbolo dipartito, ma solo tante sigle. La protesta è stata organizzata dal coordinamento “Catania libera dalle Mafie”, con l’avallo di tanti movimenti, comitati e singoli cittadini che si sono incontrati anche in occasione dell’anniversario dell’omicidio Fava promossa da “I Siciliani”.
Nelle rivendicazioni si legge molte bene: “Le Istituzioni hanno confermato l’infiltrazione mafiosa nel progetto di devastazione della Playa, Pua, nelle attività del Porto, nella gestione dei rifiuti, negli appalti pubblici, nei centri commerciali, nella gestione di alcuni locali notturni e in alcuni eventi culturali della città”. Il malcontento e l’attenzione primaria nasce dall’assenza di risposte sulle vicende che hanno riguardato il consiglio comunale, e che catania_in_marcia_contro_la_mafiaabbraccia svariati temi. Mentre il “caso Catania” si pone al centro della discussione politica. La gente presente accusa il sistema intero e la sua classe dirigente. Chieste più volte le dimissioni del sindaco Enzo Bianco.
Contro la mafia la piazza risponde con lo slogan “Catania è nostra, non di Cosa nostra” e ricorda lo stato di abbandono dei quartieri popolari, dove la mafia trova manovalanza grazie alla povertà e a una politica che non interviene per arginare il fenomeno. Al capolinea del corteo, i manifestanti si sono poi fermati a Piazza Università dove il giornalista Riccardo Orioles ha preso la parola chiedendo le dimissioni del sindaco Bianco colpevole “di avere mentito due volte” e ancora il giornalista ha chiosato: “Per molto meno si è dimesso un presidente degli Stati Uniti”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook