Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CARINI (PA): GIOCA COL NIPOTINO, PARTE UN COLPO E LO FERISCE

CARINI (PA): GIOCA COL NIPOTINO, PARTE UN COLPO E LO FERISCE

Il bimbo di 4 anni è stato ricoverato in gravi condizioni. Il fucile era sulla parete di casa, detenuto illegalmente. I carabinieri hanno fermato lo zio.

 

 

 

CARINI (PA): GIOCA COL NIPOTINO, PARTE UN COLPO E LO FERISCE –

Carini, località vicino Palermo, è stata sfiorata la tragedia. Durante un tranquillo pomeriggio in famiglia, lo zio Giacomo Romeo ha staccato dalla parete il fucile, credendo fosse scarico, ha preso la mira giocando col piccolo nipotino ha mimato….e poi lo sparo. L’arma purtroppo era carica. Il colpo è partito, i pallini hanno investito il piccolo all’addome e ferito a una gamba la madre che si trovava vicino al figlio. Il fucile era attacato alla parete, pare sia stato scambiato per un giocattolo. Ma era un’arma vera dalla quale è partito un colpo che ha quasi squarciato il ventre di un bambino di 4 anni e ha ferito la madre. Le condizioni del piccolo sono apparse subito gravissime. L’operazione è stata eseguita in condizioni di emergenza, l’esito dell’intervento è stato alla fine giudicato soddisfacente dai medici. Ma la prognosi è riservata: il bimbo è ora intubato ricoverato al Trauma Center di Villa Sofia a Palermo. La madre, Eleonora Adragna, 30 anni e il piccolo erano andati a casa di parenti, come consuetudine. Stavolta il caso, ma soprattutto auto_carabinieri_ospedalel’incoscienza, ha scatenato un incidente che poteva avere conseguenze fatali. Il fucile, aveva la matricola abrasa e quindi era detenuto illegalmente. Il piccolo ha chiesto di imbracciarlo lo zio ha creduto che fosse un giocattolo e glielo ha dato. Gli operatori del 118, avvertiti dalla stessa famiglia, lo hanno sommariamente medicato e lo hanno portato con la madre, anch’essa sanguinante, all’ospedale Villa Sofia di Palermo. In merito all’arma Romeo ha detto che era solo un pezzo da collezione ma il fatto che il fucile fosse carico è indicativo del fatto che fosse comunque pronto per essere usato. I carabinieri hanno arrestato Romeo, 40 anni, magazziniere incensurato, per detenzione abusiva di armi e lesioni personali colpose. Anche lui ha riportato una lievissima ferita alla gamba sinistra. Il fucile è stato sequestrato per accertarne la provenienza e per i successivi esami balistici che saranno eseguiti dal Ris carabinieri di Messina.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook