VERTENZA ENI GELA: NULLA DI FATTO SI PROCEDE CON LA PROTESTA

VERTENZA ENI GELA: NULLA DI FATTO SI PROCEDE CON LA PROTESTA

Dopo il vertice romano la protesta e i blocchi proseguono. Deluse le aspettative delle maestranze per le risposte venute fuori dal vertice romano.

 

 

 

VERTENZA ENI GELA: NULLA DI FATTO SI PROCEDE CON LA PROTESTA –

Gela. Il vertice romano tra governo centrale, Regione Siciliana e Comune ha prodotto amarezza e delusione a Gela, in merito alle aspettative che sono state ritenute da sindacati e lavoratori dell’indotto “insufficienti e insoddisfacenti”. Preso atto, i sindacati hanno deciso di continuare la protesta con i blocchi stradali. Al termine dell’incontro a Roma, Il ministero del lavoro ha assicurato la cassa integrazione per i lavoratori dell’indotto fino al prossimo aprile. Nulla invece per i 78 operai (ma c’è chi calcola siano 200) che erano stati già licenziati dalle imprese appaltatrici, per mancanza di commesse di lavoro: di loro si farà carico la Regione Sicilia. Crocetta, infatti, si è impegnato a garantire lo stesso trattamento degli altri lavoratori fino ad aprile.
Il sindaco Domenico Messinese si è espresso in merito: “Accogliamo di buon grado il sì del Ministero del lavoro a concedere gli ammortizzatori sociali agli operai usciti dal circuito economico, ma ciò che conta maggiormente ora è rispettare il crono-programma indicato per le bonifiche del territorio, la realizzazione della green rafinery, il progetto di una hub strategica del Mediterraneo e altre direttrici per lo sviluppo di Gela”,
Il vice sindaco di Gela, Simone Siciliano è intervenuto dicendo: “Non saremo completamente soddisfatti fino a quando non si apriranno i cantieri per la riconversione, per questo continueremo a pretendere la presenza della parte politica del governo centrale ad ogni fase di verifica, in quanto essendo esso l’attore decisore sulle politiche energetiche strategiche, gli vanno attribuite le responsabilità della crisi di Gela e dunque anche le soluzioni”.
Malcontento tra i consiglieri comunali che si sono recati a Roma, per riunirsi in seduta straordinaria e petrolchimico_gela_panoramicapermanente, davanti al Mise.
Ignazio Giudice, segretario provinciale della Cgil ha affermato che: “La montagna ha partorito il topolino”. Il responsabile Cgil a nome anche di Cisl e Uil ha criticato e manifestato qualche sospetto per l’assenza del sottosegretario, Simona Vicari che doveva essere presente, poi sostituita da uno dei direttori del Mise. Giudice è inoltre intervenuto spiegando: “Vista l’irrilevante entità delle misure annunciate ci chiediamo se le parti hanno minimamente guardato i documenti rivendicativi approvati dal Consiglio comunale di Gela e dalle parti sociali riunite lunedì a Palermo. A noi sembra di no e per questo annunciamo la prosecuzione dei presidi alle vie di accesso alla città, riservandoci ulteriori azioni di lotta dopo che conosceremo i particolari dell’accordo di stasera. Chiediamo pari dignità rispetto ad altre vertenze industriali: se il governo ha approvato un decreto per l’Ilva di Taranto, ci chiediamo perché non sia possibile un decreto per l’Eni di Gela”.
Intanto il mese di Aprile è legato all’annunciato inizio dei lavori di costruzione della “green refinery” per la produzione di bio-carburanti che prenderà il posto dei vecchi impianti di raffinazione del petrolio, come stabilito col protocollo d’intesa del 6 novembre 2014, con investimenti Eni in Sicilia per 2,2 miliardi di euro. Ma per essere certi che ciò avvenga, il 18 febbraio è stata convocata al ministero dell’Ambiente una Conferenza di servizi per il contemporaneo rilascio delle autorizzazioni ministeriali.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook