CATANIA: PROSCIOLTO L’EX SENATORE STRANO, IL FATTO NON SUSSISTE

CATANIA: PROSCIOLTO L’EX SENATORE STRANO, IL FATTO NON SUSSISTE

L’ex senatore del Pdl Nino Strano era accusato di avere agevolato la cosca Ercolano in cambio di un sostegno elettorale. Il gup di Catania ha archiviato l'inchiesta per concorso esterno alla mafia perché il fatto non sussiste.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CATANIA: PROSCIOLTO L’EX SENATORE STRANO, IL FATTO NON SUSSISTE –

Catania. Il Giudice per l’Udienza Preliminare, Marina Rizza, ha disposto il non luogo a procedere perché “il fatto non sussiste”, in merito all’inchiesta per concorso esterno all’associazione mafiosa. L’ex senatore ed ex assessore regionale e comunale a Catania e Misterbianco, Nino Strano (Pdl), conosciuto anche per un fatto di cronaca avvenuto diversi anni fa inerente a un break (giocoso) al sapore di mortadella fatto in aula a Palazzo Madama dopo la notizia delle dimissioni di Prodi. Secondo un pentito, Strano si “adoperò per sbloccare le autorizzazioni necessarie” riferite a un centro commerciale e nel contempo avrebbe agevolato la cosca Ercolano in cambio di “somme di denaro e strano_nino_mortadelladell’appoggio elettorale degli affiliati durante le elezioni regionale e nazionale”. L’ex politico, difeso dagli avvocati Francesco Strano Tagliareni e Maria Anna Aloisi, ha sempre respinto le accuse dichiarandosi totalmente estraneo alle contestazioni. La Procura, nel 2012, aveva chiesto l’archiviazione perché la sua posizione era stata ritenuta marginale e ininfluente nell’ambito dell’inchiesta Iblis. Dopo il pentimento del boss Santo La Causa la Procura ha chiesto una proroga delle indagini e ha poi sollecitato la richiesta di rinvio a giudizio.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook