Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

POZZALLO (RG): MASSACRA LA MOGLIE CON UNA PENTOLA

POZZALLO (RG): MASSACRA LA MOGLIE CON UNA PENTOLA

Dopo una violenta lite legata alla separazione, Giovanni Marchisello, 50 anni, ha aggredito a colpi di pentola la moglie, 43 anni originaria di Catania.

Print Friendly, PDF & Email

 

POZZALLO (RG): MASSACRA LA MOGLIE CON UNA PENTOLA –

Pozzallo. Il fatto è successo la sera scorsa quando i carabinieri della Stazione della cittadina marinara di Ragusa sono intervenuti con urgenza in una casa dove era stata segnalata una violenta lite tra marito e moglie dove quest’ultima ne aveva subito le conseguenze e presentava gravi ferite. Una volta giunti sul luogo i carabinieri hanno trovato la donna riversa sul letto della camera con profonde ferite alla testa, al volto e al torace. La donna era ricoperta di sangue e i militari hanno prestato il primo soccorso richiedendo l’intervento urgente di un’ambulanza del 118. Arrivati i sanitari e dopo aver sottoposto alle prime cure la vittima dell’aggressione hanno trasportato d’urgenza la donna al pronto soccorso dell’Ospedale Maggiore di Modica. A seguito delle ferite riportate, la donna, di 43 anni, originaria di Catania, è stata ricoverata nel reparto di chirurgia generale con una prognosi al momento di 30 giorni, salvo complicazioni, per trauma cranico con profonde ferite, trauma toracico-addominale con ferite penetranti da punta all’emitorace posteriore destro e frattura scomposta di un dito della mano destra. Preso dall’ira, l’uomo ha impugnato una pentola da cucina in acciaio e ha colpito violentemente la moglie alla testa e al volto. Inoltre, dopo una prima aggressione, l’uomo ha inveito ulteriormente a colpire la donna al torace con il manico spezzato dell’utensile aggressore_moglie_pozzalloche ha lacerato il corpo e il volta della vittima. Scattate le indagini e i carabinieri dal sopralluogo effettuato nell’abitazione, hanno ricostruito la dinamica dell’aggressione. Da un primo esame della vicenda pare che il diverbio sia degenerato in una violenta lite, generata da motivi legati alla separazione. Dopo aver perpetrato il folle gesto, il marito, Giovanni Marchisello, 51 anni, originario della provincia di Siracusa, si è costituito nella caserma locale dei carabinieri assistito dal proprio difensore di fiducia ammettendo le proprie responsabilità. Dopo la dichiarazione spontanea, l’aggressore è stato dichiarato in arresto con l’accusa di tentato omicidio nei confronti della moglie.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook