Archiviato in | Siciliani nel mondo

ANTONIO BARBAGALLO, DOCENTE UNIVERSITA’ BOSTON – INTERVISTA

ANTONIO BARBAGALLO, DOCENTE UNIVERSITA’ BOSTON – INTERVISTA

Antonio Barbagallo, docente universitario, cattedratico e membro di Sicilia Mondo e premiato a Catania come siciliano eccellente nel 2011. Sessantasei anni, nato a Trecastagni (Catania), dal 1962 nel Massachusetts (USA), già docente di lingua italiana e inglese a Madrid. Attualmente docente universitario, cattedratico di lingua e letteratura spagnola presso Stonehill College e di lingua italiana presso Bridgewater State University. Critico letterario e poeta a livello mondiale.

 

 

 

ANTONIO BARBAGALLO, DOCENTE UNIVERSITA’ BOSTON – INTERVISTA –

Intervista ad Antonio Barbagallo, docente universitario, cattedratico e membro di Sicilia Mondo e premiato a Catania come siciliano eccellente nel 2011. Sessantasei anni, nato a Trecastagni (Catania), dal 1962 nel Massachusetts (USA), già docente di lingua italiana e inglese a Madrid. Attualmente docente universitario, cattedratico di lingua e letteratura spagnola presso Stonehill College e di lingua italiana presso Bridgewater State University. Critico letterario e poeta a livello mondiale.

A Boston come è vista la situazione italiana?
Come in tutti i Paesi, il livello d’istruzione è determinante all’ora di esprimere giudizi verso altre nazioni. Quindi, una grande percentuale della popolazione sa poco o niente dell’Italia, una percentuale molto minore sa qualcosa del nostro paese, ma di solito si tratta di vecchi stereotipi. Esiste una minoranza elitaria che è più aggiornata, che ha viaggiato, ma che non sa molto della situazione italiana se non ha contatti diretti per motivi di affari, per interessi culturali e per legami di famiglia. Quasi nessuno è al corrente che l’Italia ha contingenti militari in missioni di pace sparsi per mezzo mondo. Pochi sanno che l’Italia da quaranta anni a questa parte è un Paese di immigranti, un Paese d’accoglienza, e che in questi momenti si trova al centro di una bufera politico-sociale provocata dalla crisi umanitaria nel Mediterraneo. E’ anche vero che grazie alla RAI e a internet molti italo-americani residenti a Boston si mantengono aggiornati.

Come sta la comunità italiana e siciliana in particolare?
La maggior parte dei siciliani, come la maggior parte di tutti gli altri italiani arrivati negli ultimi dieci o quindici anni, è un gruppo più giovane rispetto a quello di sessanta, cinquanta o quaranta anni fa. Ormai non arrivano le grandi famiglie di allora, con figli grandicelli, in cerca di lavoro nelle fabbriche. Oggi arrivano giovani professionisti, da soli, o con piccole famiglie, che di solito hanno già un lavoro assicurato anche prima di entrare nel Paese. Tanti sono studenti Barbagallo_Antonino_docente_universitario_boston_interache vengono a fare un dottorato in grandi università come MIT, Harvard o Northeastern. Tutti gli italiani arrivati nel secondo dopoguerra, fino agli anni settanta, si sono perfettamente adattati ed inseriti nella società. Alcuni di loro hanno fatto grandi o piccole fortune, e i loro figli e nipoti godono di uno status sociale rispettevole. Purtroppo si sono sparpagliati, e ormai non esiste più il calore degli antichi quartieri italiani.

Come è la situazione economica nel Massachusetts? È stata definitivamente superata la crisi economica?
Credo che la situazione economica nel Massachusetts sia migliorata negli ultimi due anni. L’economia si è ripresa in tutto il Paese, ma il Massachusetts in particolare è sempre una delle locomotive degli Stati Uniti. Qui si trovano alcune delle più grandi e prestigiose università del mondo, alcuni degli ospedali di ricerca più importanti del mondo, e molte aziende all’avanguardia nel campo dell’elettronica, della farmaceutica e della tecnologia. Molti italiani, giovani e meno giovani, lavorano o fanno ricerche in questi luoghi di prestigio. Di recente il tasso di disoccupazione è sceso al cinque per cento (5%) e si spera di ridurlo ancora. Il fatto è che chi vuol lavorare quasi sempre può lavorare in qualsiasi cosa, anche solo per uscire da una situazione precaria e poi passare ad un impiego migliore. Purtroppo in Italia e in particolare in Sicilia, uno che ha studiato o che studia non si ribassa a fare il benzinaio, il cameriere o il vendemmiatore, sebbene solo per un periodo corto di tempo. Pretende cominciare dall’alto, e molte volte non comincia mai.

A Boston arrivano giovani dall’Italia in cerca di lavoro?
Come già accennato, Boston è un luogo di richiamo per molti nostri connazionali. Oggi i giovani italiani che arrivano sono per lo più studenti, ricercatori e professionisti specializzati in diversi campi. A questo punto vorrei aggiungere che fa piacere vedere, sempre più spesso, un maggior numero della nostra bella FIAT 500 che, come si sa, è fabbricata a Detroit. I prodotti italiani di qualità sono cari e si vendono in negozi esclusivi. I generi alimentari italiani sono più a portata di mano, sono molto conosciuti, ma, purtroppo, anche contraffatti. Molti dei formaggi e prosciutti che portano una denominazione italiana (parmigiano, pecorino romano, prosciutto di Parma) sono fatti negli Stati Uniti. È anche un immenso piacere constatare che da alcuni anni una delle “nostre” industrie dolciarie con sede a Belpasso (CT), ha sfondato nel mercato Americano.

Una risposta a “ANTONIO BARBAGALLO, DOCENTE UNIVERSITA’ BOSTON – INTERVISTA”

  1. Antonino Lanzafame ha detto:

    Ciao sono il tuo compagno di prima elementare Nino, e sai che vivo a parma se riesci a leggere questa mia avrei piacere che tu mi contattassi io non trovo piu’la tua Mail. ci siamo fatti gli auguri di Natale con tua cugina rosetta e ti abbiamo pensato spero a presto .

Trackbacks/Pingbacks


Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook