ENI GELA: BLOCCATI INGRESSI A RAFFINERIA E STAZIONE RILANCIO GAS LIBICO

ENI GELA: BLOCCATI INGRESSI A RAFFINERIA E STAZIONE RILANCIO GAS LIBICO

La protesta arrivata al settimo giorno. Reazione dei lavoratori dell'indotto che hanno iniziato a presidiare l'ingresso della stazione di rilancio del gas libico che arriva in Sicilia attraverso il metanodotto sottomarino Greenstream.

 

 

ENI GELA: BLOCCATI INGRESSI A RAFFINERIA E STAZIONE RILANCIO GAS LIBICO –

Eni Gela. Continua ancora la protesta giunta al settimo giorno. I dimostranti, hanno inasprito la reazione e hanno iniziato a presidiare l’ingresso della stazione di rilancio del gas libico che arriva in Sicilia attraverso il metanodotto sottomarino Greenstream. Intanto i lavoratori dell’indotto della raffineria di Gela hanno intensificato la lotta bloccando i turnisti del petrolchimico e il personale tecnico e amministrativo di Enimed, che gestiscono ricerche petrolifere e pozzi di estrazione. Da oggi dalla struttura non entra e non esce nessuno. Era stato annunciato la scorsa settimana, i più determinati auspicavano non ci fosse un picchettaggio ma un blocco vero e proprio di uomini e mezzi per chiudere anche il passaggio del metano destinato a Germania e Francia. Ancora la situazione è monitorata dalle organizzazioni sindacali che aspettano ancora risposte concrete dal ministero. I rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil petrolchimico_gela_ingressoattraverso comunicati affermano: “l’ordine pubblico dipende anche dalle risposte che arriveranno o non arriveranno in questi giorni da Roma e da Palermo”. Intanto, domani, a Gela, è stata organizzata una giornata di mobilitazione cittadina con cortei per rafforzare lo sciopero generale proclamato dal consiglio comunale. Per il rispetto del protocollo d’intesa sulla riconversione del petrolchimico in bio-raffineria e per il rilascio delle autorizzazioni ministeriali con il conseguente avvio dei lavori di bonifica del territorio in piazza anche le istituzioni ecclesiali che parteciperanno con il clero alla manifestazione operaia. E proprio sugli argomenti che generano la protesta sul completamento di un accordo di programma che tracci un piano industriale per Gela, mercoledì torneranno a incontrarsi a Roma, al ministero per lo sviluppo economico, il presidente Crocetta, per la Regione Siciliana e i rappresentanti del governo e per il comune di Gela sarà presente il sindaco Domenico Messinese. È iniziata oggi, una settimana decisiva per le sorti della raffineria di Gela e di 2.500 lavoratori, tra diretto e indotto. Oggi, alle 16, a Palermo, il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, coordinerà un tavolo tecnico convocato per determinare il possibile ricorso alla cassa integrazione in deroga per le maestranze gelesi. Vi partecipano Eni, sindacati confederali, prefetto di Caltanissetta e funzionari regionali.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook