Archiviato in | Sicilia in Cucina

NATALE GIUNTA ALL’OFFICINA DELLE ECCELLENZE DI CATANIA – INTERVISTA

NATALE GIUNTA ALL’OFFICINA DELLE ECCELLENZE DI CATANIA – INTERVISTA

Natale Giunta ha scelto “Norma – L’officina delle eccellenze” per incontrare i suoi fan catanesi per una cena con i prodotti dell’eccellenza e per delle lezioni di alta cucina.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

NATALE GIUNTA ALL’OFFICINA DELLE ECCELLENZE DI CATANIA – INTERVISTA

La grande cucina arriva anche a Catania. Lo Chef Natale Giunta, conosciuto dal grande pubblico per la partecipazione al programma di Rai Uno “La Prova del Cuoco”, ha scelto “Norma – L’officina delle eccellenze” per incontrare i suoi fan catanesi per una cena con i prodotti dell’eccellenza e per delle lezioni di alta cucina. A metà degli anni Novanta, lo chef palermitano, ha frequentato con profitto l‘Istituto Alberghiero, nel 2000 assume la gestione del suo primo locale, nel Nord Italia; nel 2002 dà vita, a Termini Imerese, in provincia di Palermo, a un ristorante di alto livello, “La nouvelle Cousine”; nel 2004 crea la “Natale Giunta catering”, nel 2005 inizia la collaborazione con la Rai e con la trasmissione “La prova del cuoco”, di cui è ormai ospite fisso. Nel 2009 apre, sempre nella sua città, Termini Imerese, un secondo ristorante dal taglio moderno ed innovativo il “Mood”; poco dopo nasce “N.G. Services”.

Innumerevoli i premi ed i traguardi raggiunti: ha partecipato agli “Internazionali d’Italia” di cucina 2005, guadagnandosi la medaglia d’argento, e al campionato di “Artistica” 2005, portando a casa un altro argento. L’anno successivo, sempre negli “Internazionali d’Italia”, stravince con la sua squadra e diventa Campione d’Italia. Nello stesso anno, e poi, nel 2007, continuano le medaglie d’argento in una serie di competizioni di “Artistica”. Proclamato “Stella della Ristorazione” 2007 a Montecatini, vince un bronzo e un argento nella “Rassegna Nazionale” della stessa città. Vanta il “Premio Qualità e Ospitalità Italiana” 2008 e 2009.

Lo chef è stato anche docente di “Gastronomia” presso l’Istituto Comprensivo Paolo Balsamo di Termini Imerese e insegnante di “Cucina” presso la Scuola Alberghiera di Palermo. Con impegno e sacrificio ha conseguito pure la laurea all’Accademia.

Come nasce questo amore per la cucina?

“E’ più che un rapporto d’amore. Tutto è nato da ragazzino a casa di mia zia. È più di vent’anni che lo faccio, dai tempi della scuola, passando dalle grandi cucine a quelle piccole. In giro per il mondo. Ancora oggi lo trovo più un divertimento che un mestiere. Una palestra che mi permette di staccare la spina quando mi ci butto dentro”.

 

Come nasce la collaborazione con “La Prova del Cuoco”?

“ Il primo provino è stato fatto nel 2005. Passavano dei sottotitoli, una mia amica ha chiamato e sono andato a fare il casting. Quell’anno non mi presero ma nel 2006 mio fecero il primo contratto che doveva durare un anno. Invece ne sono passati già dieci. Una grande soddisfazione ed una grande esperienza che sto facendo in televisione. Io do e lei mi dà. Uno scambio reciproco di emozioni”.

 

Come si spiega il successo che la cucina sta riscuotendo in televisione?

“Perché il resto non esiste. Altrimenti ci sono solo problemi e guai. La cucina di oggi non è certo quella di vent’anni fa. Quando ho iniziato il cuoco stava in cucina e non in televisione. Oggi vedi il medico che vuole cambiare mestiere, l’ingegnere che vuole cambiare mestiere e tutti sono indirizzati verso la cucina. Questo ti fa capire che la cucina ti può dare emozioni ed hai un rapporto completamente diverso con il cliente. Questo è l’unico mestiere al mondo che facciamo sempre festa. Vai al ristorante perché è festa. La tavola ti porta cose importanti”.

 

La cucina è anche sacrifici, lo consiglia ai giovani?

“Non è sacrificio, è vita. Prendi la tua vita è la dai alla cucina. È più di un sacrificio. Lo consiglio per chi lo vuole fare come lo faccio io. Chi ama questo lavoro non deve mai guardare l’orologio. Devi prendere questo mestiere forse come al parroco. Io dedico la mia vita a fare questo. Come il parroco che per la vita fa questo mestiere. Lui la domenica fa la messa e noi facciamo il pranzo e la cena. Ci interfacciamo. Se lo fai con amore è un gran bel divertimento. Questo mestiere ti permette di girare, di conoscere persone. Ogni posto che vai è una emozione nuova. Questo ti permette di darti la carica quotidiana”.

 

Lei è stato protagonista ad Expo, si può definire un successo per l’Italia?

“Ho fatto sei mesi di collaborazione piena. Un grande scenario dove l’Italia è stata protagonista. Peccato che ci siano state le critiche prima, durante e dopo. Invece l’Italia se ne dovrebbe vantare perché il mondo ci invidia i prodotti italiani. La cucina italiana. Noi non abbiamo bisogno dell’industria che produce le macchine in Sicilia, noi qui dovremmo vendere solo territorio, cultura, storia, cucina, arte il resto non ci serve. Dico sempre che vorrei vivere in una zona industriale dove si respira l’odore per i nostri prodotti e no per le saldature o per il ferro. Le macchine le possono fare altrove, noi possiamo vendere turismo, cultura, cibo, storia, clima e purtroppo lo valorizziamo solo al 5%”.

 

Ha avuto il coraggio di denunciare chi le chiedeva il pizzo permettendo 4 arresti. Oggi si vede costretto a vivere sotto scorta. Natale Giunta è sinonimo di legalità e di coraggio. Dove ha trovato questa forza per denunciare?

“Quando tu cresci con una cultura sana, da una famiglia sana e da un pensiero di vita sano credo sia normale. Se oggi sono un imprenditore è solo merito mio perché me la sono guadagnato. Nessuno mi ha aiutato, tutto quello che ho fatto è stato grazie al mio sudore. Quando mi si è presentato il problema ci ho pensato meno di 24 ore. Nella vita quello che volevo e che voglio non è quello. Voglio parlare con lei e con chiunque altro sempre a testa alta. Le paure ci sono, anche perché lo Stato ti aiuta minimamente. Solo chiacchiere. I politici che fanno gli slogan lo fanno perché hanno il suo ritorno. Ricordiamoci sempre che dietro la mafia c’è l’antimafia dove c’è gente che ne ha fatto il suo mestiere. Io voglio fare il mio lavoro. Dopo che ho denunciato mi hanno proposto di tutto, di entrare in politica, il posto qui, il posto li. Io faccio il cuoco nella vita, voglio fare questo. Il resto non mi interessa”.

 

In quei momenti Antonella Clerici le è stata molto vicina.

“Assolutamente si. Non solo Antonella ma tutto il programma. Uno staff di persone sane che fanno televisione. Mi hanno rivoluto dopo una interruzione durata diversi mesi. E sono ancora li. Antonella è una persona sana ed ho un grande rispetto per lei”.

 

Chiudiamo con un sorriso, lei palermitano, oggi qui a Catania. Ma alla fine arancini o arancine?

“Voi catanesi storpiate le parole. È inutile questo conflitto perché dobbiamo lasciare questi due termini. Maschile e femminile. La gente deve sapere che quando va a Palermo trova la femmina, quando va a Catania trova il maschio. Queste due grandi città potrebbero dare tanto alla nostra Sicilia. Oggi, venendo a Catania, ho visto che almeno la strada è ritornata ad essere mezza sistemata”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook