GELA (CL): ENI, “IMPEGNI RISPETTATI”, NO DEI SINDACATI, LA PROTESTA CONTINUA

GELA (CL): ENI, “IMPEGNI RISPETTATI”, NO DEI SINDACATI, LA PROTESTA CONTINUA

La risposta dell’Eni, durante il vertice presso la sede della Regione non soddisfa Cgil, Cisl, Uil. Secondo Crocetta: "Dipende tutto dal Governo nazionale". Sindacati insorgono e la protesta continua.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

GELA (CL): ENI, “IMPEGNI RISPETTATI”, NO DEI SINDACATI, LA PROTESTA CONTINUA –

Ieri, nella sede della Regione Siciliana a Palermo, durante l’incontro con le istituzioni locali e le rappresentanze delle organizzazioni sindacali, i delegati Eni hanno confermato che: “in merito allo stato di attuazione del protocollo di Gela del 6 novembre 2014, gli impegni presi sono stati rispettati e le attività procedono in linea con quanto previsto”. Con una nota il gruppo petrolifero ribadisce: “dalla firma dell’accordo sono stati avviati 53 cantieri tra le attività di produzione, di manutenzione e di risanamento ambientale con un investimento pari a 200 milioni”. Inoltre, per quanto riguarda il progetto di sviluppo offshore a gas di Argo e Cassiopea, la società: “procede con le attività di ingegneria, con l’utilizzo di 70 ingegneri locali, nonostante i ritardi dovuti ai ricorsi giudiziari presentati da diverse associazioni ed enti locali, che attendono, dopo il primo esito favorevole all’azienda dinanzi al Tar, Il pronunciamento definitivo del Consiglio di Stato”. Infine, Eni ha annunciato che nei prossimi giorni verrà siglata la convenzione tra ESA (ente agricolo siciliano) e Versalis per l’avvio della sperimentazione della coltivazione del guayule in Sicilia, nell’ambito dello studio sulla fattibilità della produzione di lattice di gomma naturale.
In merito alla situazione dello stabilimento Eni di Gela, Cgil, Cisl, Uil manifestano delusione e rammarico: “per certi versi, ancor più preoccupazioni per i concetti espressi dal Governo regionale”. Il presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta in una nota afferma che: “comprende le ragioni dei presidi e nel frattempo dichiara che dipende tutto dal Governo nazionale e nel merito dal ministero del Lavoro”.
Cgil, Cisl e Uil tuonano: “la protesta continua ed in modo chiaro rivendichiamo il diritto ad avere una data dalraffineria_gela2 Governo Renzi per affrontare e definire il presente di un’intera popolazione e con essa, da oggi, le popolazioni dei Comuni limitrofi”.
Intanto, oggi a Gela è previsto l’arrivo di Emilio Miceli, segretario nazionale dei chimici della Cgil per seguire da vicino la vertenza sul mancato rispetto degli impegni assunti dall’Eni in merito alle bonifiche e alla costruzione della Green Refinery.
I sindacati rincarano la dose e manifestano tutta la loro delusione e rammarico: “La politica si assuma le responsabilità dando al territorio risposte concrete attraverso strumenti straordinari e derogatori a ogni legge. La politica sappia che ogni giorno è un danno in più al mondo del lavoro ed a un’intera popolazione. L’Eni anticipi i cantieri così da dare occupazione alle centinaia di lavoratori”

Dopo il nulla di fatto del tavolo di lavoro convocato, di ieri sera, dal presidente, Crocetta, ora l’attenzione è focalizzata sulla capitale da dove si attendono nuove dal sindaco, Domenico Messinese che oggi trova a Roma per discutere con i delegati del ministero dello Sviluppo Economico la bozza dell’accordo di programma da cui dipende il rilancio dello stabilimento gelese.
Intanto a Gela scatta il quarto giorno di protesta dei lavoratori del petrolchimico Eni. I manifestanti mantengono ancora i blocchi alle vie di accesso alla città per sollecitare il rilascio delle autorizzazioni ministeriali che consentirebbero l’utilizzo di investimenti per 2,2 miliardi dell’Eni in Sicilia, l’apertura dei cantieri per la riconversione “green” della raffineria e la produzione di bio-carburanti.
Tra i sostenitori dei lavoratori scende in campo anche il vescovo della diocesi che auspica la soluzione dei problemi produttivi e occupazionali del territorio. Infatti, oggi a mezzogiorno, celebrerà una messa tra le maestranze del blocco stradale sulla Gela-Catania. La celebrazione eucaristica avverrà nelle adiacenze della sede degli uffici di Enimed, che ha sede in città e cura ricerche, trivellazioni e sfruttamento dei giacimenti di gas e di petrolio in Sicilia.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook