Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: CONSIGLIERI COMUNALI CONTESTANO MULTE SELVAGGE

CATANIA: CONSIGLIERI COMUNALI CONTESTANO MULTE SELVAGGE

"Questo è solo accanimento" ripete il gruppo politico in seno al Consiglio Comunale di Catania riferendosi al nuovo corso della polizia municipale: “Catania è diventata la città delle multe selvagge? Sembrerebbe proprio di sì” ripetono. Poi affermano: "L'educazione non si ottiene così".

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CATANIA: CONSIGLIERI COMUNALI CONTESTANO MULTE SELVAGGE –

Catania. Il gruppo politico ‘Grande Catania’ all’interno del Consiglio Comunale lancia l’allarme: “per il comportamento adottato nelle ultime settimane dalla polizia municipale, più improntato su una politica di sanzioni a tappeto, piuttosto che di educazione al rispetto del codice stradale”. I consiglieri portavoce dei cittadini tuonano: “Catania è diventata la città delle multe selvagge? Sembrerebbe proprio di sì, a giudicare dalle tante segnalazioni che ci arrivano da centinaia di cittadini”. E ancora i politici spiegano: “premesso che chi commette un’infrazione vada punito con multe previste dalla legge, e che tali sanzioni vadano assolutamente pagate, è altrettanto vero che la scorrevole viabilità cittadinamulte non si può raggiungere solo con il pattugliamento di auto della polizia municipale munite di attrezzature atte al rilevamento di irregolarità con finalità esclusivamente punitive. Sanzioni che, in alcuni casi, assumono la conformazione di un vero e proprio accanimento soprattutto in zone dove, per tanto tempo, le doppie file o il posteggio selvaggio sono rimasti impuniti”. Secondo quanto esposto il gruppo Grande Catania chiede al Sindaco Enzo Bianco: “di attivarsi in tutti i modi per avviare una politica di educazione stradale verso i cittadini e non continuare con il sistema delle ‘multe pazze’ che, oltre ad assumere i contorni di una vera e propria vessazione, non scoraggia completamente certi cattivi comportamenti”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook