Archiviato in | Siciliani nel mondo

PIPPO ROLLO, PRESIDENTE ASSOCIAZIONE REGIONALE SICILIANA PHILADELPHIA – INTERVISTA

PIPPO ROLLO, PRESIDENTE ASSOCIAZIONE REGIONALE SICILIANA PHILADELPHIA – INTERVISTA

Pippo Rollo ha fondato nel 1990 l'Associazione Regionale Siciliana di Philadelphia, dalla stessa data socio di Sicilia Mondo e legato da una lunga e attiva collaborazione con la stessa associazione. Esercita la professione di avvocato nel settore migratorio, in quello internazionale e nei rapporti di affari con le imprese italiane. Impegnato da sempre nei servizi sociali della comunità siciliana.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PIPPO ROLLO, PRESIDENTE ASSOCIAZIONE REGIONALE SICILIANA PHILADELPHIA – INTERVISTA

L’avvocato Pippo Rollo ospite di Sicilia Mondo a Catania, 58 anni, nato a Ferla in provincia di Siracusa. Da 39 anni si trova a Philadelphia dove si trasferì per proseguire gli studi di avvocato. Fondatore nel 1990 della Associazione Regionale Siciliana di Philadelphia, dalla stessa data socio di Sicilia Mondo e legato da una lunga e attiva collaborazione con la stessa associazione. Esercita la professione di avvocato nel settore migratorio, in quello internazionale e nei rapporti di affari con le imprese italiane. Impegnato da sempre nei servizi sociali della comunità siciliana.

Come è vista l’Italia da Philadelphia?
L’Italia è vista come un partner affidabile nel contesto della politica estera americana. C’è un segmento della popolazione italiana che ha avuto gran successo negli Stati Uniti con personalità politiche ed imprenditoriali di tutto rilievo. La fase critica della prima emigrazione si è chiusa con gli anni ’70. La nuova emigrazione è diversa, più dinamica, più moderna.

L’economia americana è ancora florida?
Sì, è florida. Ha superato la crisi e la disoccupazione è scesa dal 9 al 5%, i tassi di interesse rimangono molto bassi. La locomotiva americana tira in tutti i settori con riflessi positivi anche per gli italiani che si sono ottimamente inseriti nei circuiti economici statunitensi.

I giovani italiani in cerca di lavoro arrivano anche a Philadelphia?
Sì, arrivano anche qui e numerosi. Ci sono due tipi di giovani che arrivano a Philadelphia, quelli inseriti nel campo

Nella foto da sinistra: avv. Pippo Rollo Presidente Associazione Regionale Siciliana di Philadelphia, avv. Domenico Azzia presidente Sicilia Mondo

Nella foto da sinistra: avv. Pippo Rollo Presidente Associazione Regionale Siciliana di Philadelphia, avv. Domenico Azzia presidente Sicilia Mondo

della ricerca che vengono a fare stages, quelli di alta specializzazione o professionalità in cerca di lavoro, di perfezionamento o di studi. E’ questa la nuova faccia della emigrazione italiana. Poi c’è la figura classica del giovane che magari non ha completato gli studi e che vorrebbe venire a lavorare anche presso ristoranti o altro. Per questo tipo di lavori manuali, l’occupazione adesso è molto difficile.

Come va l’associazionismo di emigrazione?
Abbiamo i problemi di tutti i sodalizi e cioè il passaggio dalle vecchie alle nuove generazioni. Dobbiamo fare leva a questi ultimi, trovare stimoli sulla italianità e sui valori piuttosto che ai legami con il paese di origine.
In questo momento arriva il vino esportato dalla Sicilia, arrivano gruppi folkloristici, artisti e uomini di cultura. A proposito di associazionismo, voglio dire che Sicilia Mondo, ad esempio, per noi è stata sempre un punto di riferimento ed un collante. In tutti i siciliani c’è questa consapevolezza che è stata sempre identificata negli sforzi dell’Avv. Azzia a cui auguriamo l’attività per altri 100 anni.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook