GELA (CL): LAVORATORI ENI IN AGITAZIONE

GELA (CL): LAVORATORI ENI IN AGITAZIONE

I dipendenti Eni protestano contro la chiusura della raffineria e le vane promesse di riconversione. I sindacati Cgil, Cisl e Uil parlano di "inganno di Stato" e puntano il dito contro l'Eni e il governo.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

GELA (CL): LAVORATORI ENI IN AGITAZIONE –

Gela. Da stamane alle prime luci dell’alba sulle strade per Catania e per Licata, registrati primi blocchi organizzati dai sindacati confederali, con i lavoratori dell’indotto e dai dipendenti diretti del petrolchimico dell’Eni che protestano contro la chiusura della raffineria. Altro motivo di contestazione la mancata riconversione in “green refinery”. Traffico resta comunque paralizzato per chi entra nella città di Gela, code e file interminabili di vetture. i lavoratori delle imprese appaltatrici rischiano il licenziamento e sono fermi da oltre due anni. I dipendenti dell’indotto dopo l’esaurimento di tutti gli ammortizzatori, dimostrano perché non sono stati mai aperti i cantieri concordati con il protocollo d’intesa del novembre 2014, che avrebbero dovuto realizzare opere per 2,2 miliardi di euro in Sicilia. I sindacati Cgil, Cisl e Uil scesi in piazza parlano di “inganno di Stato” e accusano Eni e il governo, che avevano definito la “vertenza Gela” ormai risolta. Infatti, nel Ferragosto del 2014, Renzi venne ad annunciare nel municipio dellapetrolchimico_gela_ingresso cittadina la definizione della vertenza. Ora tirando le somme a distanza di due anni dall’accordo e quattro dal fermo impianti, tutto è bloccato perché Stato, Regione, Comune, Eni e parti sociali non sono ancora riusciti a siglare l’accordo di programma, indispensabile per definire tempi e modi di intervento nelle bonifiche, negli insediamenti produttivi e nella riconversione biologica della raffinazione. Il segretario provinciale della Cgil, Ignazio Giudice interviene in merito: “È iniziata stanotte una mobilitazione lunga e faticosa per impedire che dopo la raffineria chiuda anche la città. Ci appelliamo a Renzi perché dia risposte a favore di disoccupati, precari, nuovi poveri e commercianti, non con elemosine ma con una legge speciale per Gela che garantisca salute e lavoro”. I lavoratori supportati dai sindacati sono scesi in piazza bloccando il traffico nelle strade che segnano l’accesso alla città.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook