Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

LAMPEDUSA (AG): PROTESTA, NO A RILEVAZIONE IMPRONTE

LAMPEDUSA (AG): PROTESTA, NO A RILEVAZIONE IMPRONTE

Duecento eritrei e un piccolo gruppo di sudanesi da due giorni sono accampati per protesta davanti alla chiesa di Lampedusa. Nonostante le condizioni meteo avverse sono sempre li. I manifestanti chiedono che vengano rispettati i loro diritti, prima di farsi rilevare le impronte reclamano di sapere le loro destinazioni.

 

 

LAMPEDUSA (AG): IMMIGRATI, NO A RILEVAZIONE IMPRONTE DIGITALI –

Lampedusa. Monta la protesta di duecento eritrei e un piccolo gruppo di sudanesi che sono davanti alla chiesa del centro dell’isola. Nonostante freddo, pioggia e vento le persone sono ancora li. Manifestano perché non vogliono farsi prendere le impronte digitali, prima vogliono sapere il loro destino, cioè dopo la rilevazione delle impronte potrebbero essere trasferiti in luoghi d’Europa a loro non graditi. I duecento preferirebbero andare in luoghi come Svezia, Olanda, Germania o Francia. Intanto, il maltempo non preoccupa questo gruppo di migranti giunti in Italia alla vigilia di Natale e ricoverati nel centro d’accoglienza di contrada Imbriacola, che attualmente ospita circa 700 persone. Le persone Da Lampedusa si potranno spostare solo dopo aver consentito ai delegati delle forze dell’ordine di prendere le loro impronte digitali. Il gruppo non ha alcuna intenzione di adempiere a questo compito: hanno paura che messo il dito sul tampone d’inchiostro ognuno di loro dovrà dire addio al “sogno di andare in Svezia, Inghilterra, Germania”.
Molti di loro parlando con gli isolani dicono di non credere nelle procedure di ricollocamento e portano ad esempio l’esperienza di alcuni loro connazionali da tre mesi in attesa di trovare un posto dove andare. E poi manifestano apertamente che non vogliono andare in Polonia, in Lituania o in Portogallo. Intanto il parroco

GRUPPO MIGRANTI DAVANTI LA CHIESA DI LAMPEDUSA

GRUPPO MIGRANTI DAVANTI LA CHIESA DI LAMPEDUSA

Mimmo Zambito li invita a ripararsi in chiesa, rimasta aperta tutta la notte. Ma loro sono rimasti fuori, tranne alcune donne e bambini che nottetempo hanno trovato riparo sotto il portico dell’ingresso. Al centro d’accoglienza il cibo c’è, ma per averlo bisogna tornare lì. Nessuno ha intenzione di farlo. Quando stamane uno dei migranti ha avuto un malore, i loro compagni non volevano che salisse sull’ambulanza per andare al pronto soccorso; temevano che qualcuno gli avrebbero preso le impronte digitali. I manifestanti, questa mattina hanno ripreso la protesta, sfilando in corteo, sotto la pioggia, per le vie di Lampedusa. Poi si sono radunati di nuovo davanti alla chiesa, con la speranza di riuscire a rimediare qualcosa da mangiare. Ieri sera gli abitanti di Lampedusa avevano fatto il giro di bar e trattorie per racimolare un po’ di cibo e qualche contenitore per poter distribuire bevande calde. Quest’oggi per il pranzo hanno preparato 15 chili di riso e l’hanno distribuito a tutti.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook