Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

RIESI (CL): DIA CONFISCA BENI AL BOSS CICCIO ANNALORO

RIESI (CL): DIA CONFISCA BENI AL BOSS CICCIO ANNALORO

L’operazione condotta dalla Dia di Caltanissetta è in corso. Il decreto di confisca nei confronti del capo storico di Cosa nostra locale

Print Friendly, PDF & Email

 

 

RIESI (CL): DIA CONFISCA BENI AL BOSS CICCIO ANNALORO –

Riesi. Su suggerimento del Direttore della Dia, la Corte di Appello di Caltanissetta ha emesso un decreto di confisca definitiva di beni nei confronti di Francesco “Ciccio” Annaloro, 65 anni di Riesi (Caltanissetta). La Direzione Investigativa Antimafia di Caltanissetta sta procedendo all’esecuzione del mandato capo famiglia. Oggetto del provvedimento in corso di esecuzione sono due aziende agricole, beni mobili e immobili, nonché rapporti bancari per un valore complessivo di oltre 1 milione di euro. Francesco Annaloro, figlio del defunto boss Luigi Personaggio Dia_polizia“storico” di Cosa Nostra nissena, sta scontando l’ergastolo complessivamente per 7 ergastoli che gli sono stati dati per i reati di strage, omicidio e associazione mafiosa. La storia criminale di Annaloro è strettamente collegata a quella della famiglia del più noto boss Giuseppe Di Cristina, detto “La Tigre”. Morto quest’ultimo, eliminato da rivali, lo stesso Annaloro cominciò la sua scalata all’interno della cosca fino ad arrivare ai vertici del comando. Negli anni ’90, sempre nel territorio di Riesi, fu tra i principali protagonisti di una spietata guerra di mafia per definire l’egemonia criminale. Positivo il lavoro della Dia di Caltanissetta, quest’anno, infatti sono stati effettuati nove provvedimenti di sequestro e confisca di beni mafiosi, per un ammontare di circa 63 milioni di euro.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook