Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: ARRESTATI SEI RAPINATORI DI TIR

CATANIA: ARRESTATI SEI RAPINATORI DI TIR

Il commando composto da sei persone è stato bloccato in tangenziale. Gli individui avevano appena rapinato un autoarticolato carico di alimenti e sequestrato il conducente. I generi alimentari rinvenuti nel camion che ammontano a circa 100 mila euro, sono stati riconsegnati al legittimo proprietario.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CATANIA: ARRESTATI SEI RAPINATORI DI TIR –

Catania. Nel corso della notte la Polizia di Stato ha arrestato sei persone che avevano appena rapinato un Tir che trasportava alimentari. In manette sono finiti: Felice Pollicano Campisi (classe 1981); Massimo Messina (classe 1982); Fabio Alonzo (classe 1982); Diego Bonaccorso (classe 1975); Antonio Nigito (classe 1975) e Rosario Moschitta (classe 1966). Gli uomini fermati sono ritenuti responsabili, in concorso tra loro, dei reati di rapina aggravata e rapinatori_tir_ct_1sequestro di persona. Ieri sera un commando, a bordo di diverse auto, ha bloccato, lungo la tangenziale di Catania nei pressi dello svincolo San Giorgio un autoarticolato carico di generi alimentari che, qualche minuto prima, era uscito dal deposito di una ditta di trasporti ubicata presso la zona Industriale di Catania. L’operazione in questione si inquadra nell’ambito di servizi mirati disposti dal Questore di Catania, Marcello Cardona e sono finalizzati al contrasto alla criminalità dedita alle rapine in danno di autotrasportatori, reato che, registra un sensibile aumento in occasione delle Feste natalizie. Il tir è stato trasferito in un deposito ad Acicastello dov’è intervenuta la polizia. Altri agenti della “Antirapine” hanno bloccato a Giarre altri due componenti del gruppo che avevano sequestrato il conducente del tir. I generi alimentari rinvenuti nel camion che ammontano a circa 100 mila euro, sono stati riconsegnati al legittimo proprietario. E’ in fase di accertamento l’individuazione delle aziende cui è stato rapinato il materiale rinvenuto all’interno del deposito di Cannizzaro (sequestrato), per un valore di almeno 500 mila euro.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook