Archiviato in | Cabaret, Spettacolo, Teatro

SABINA GUZZANTI IN SCENA A PALERMO E CATANIA

SABINA GUZZANTI IN SCENA A PALERMO E CATANIA

Il tempo in cui si svolge lo spettacolo è immaginifico: un futuro finalmente armonico e civile, dove il denaro è tornato a essere semplicemente un mezzo e non più un fine. Un mondo fantastico, dove, perché non si perda la memoria e si scongiuri il pericolo di ripetersi, ogni anno si tiene un discorso celebrativo sulla fine del periodo storico, tristissimo e feroce, gli anni che vanno dal 1990 al 2041, che sarebbe il nostro tempo presente.

Print Friendly, PDF & Email

 

Sabina Guzzanti torna al teatro, a sei anni di distanza dalla precedente produzione, con un nuovo monologo satirico:COME NE VENIMMO FUORI (proiezioni dal futuro)’, scritto e interpretato da lei stessa e affidato alla regia di Giorgio Gallione, con musiche di Paolo Silvestri, scenografia di Guido Fiorato e abito di scena di Minimal To. Lo spettacolo sarà in tournèe fino ad aprile 2016 nei teatri di moltissime città italiane. Palermo e Catania sono le due città siciliane scelte dall’attrice Sabina Guzzanti, per portare sulla nostra isola il suo nuovo futuristico spettacolo. La comica romana a Palermo il 22 gennaio 2016 e a Catania il 23 gennaio 2016. ‘COME NE VENIMMO FUORI’ è prodotto da Secol Superbo e Sciocco produzioni, in collaborazione con Fondazione Toscana onlus. L’attrice, grazie a un’iniziativa di Agave Spettacoli, sarà a Palermo il 22 gennaio 2016, al Teatro Golden alle ore: 21.00, mentre il giorno successivo il 23 gennaio 2016 arriverà a Catania al teatro Metropolitan (inizio ore 21:00), portando con sé il suo grande bagaglio culturale, mai banale. La prevendita dei biglietti è già stata avviata, con ticket a partire da 25 €. I circuiti di vendita sono: www.ctbox.it; www.circuitoboxofficesicilia.it; ticketon.it e www.tickettando.it. Per info è possibile telefonare allo 091.626.01.77 o al 393.94.50.020 o ancora inviare una mail all’indirizzo agavespettacoli@inwind.it.

Il tempo in cui si svolge lo spettacolo è immaginifico: un futuro finalmente armonico e civile, dove il denaro è tornato a essere semplicemente un mezzo e non più un fine. Un mondo fantastico, dove, perché non si perda la memoria e si scongiuri il pericolo di ripetersi, ogni anno si tiene un discorso celebrativo sulla fine del periodo storico, tristissimo e feroce, gli anni che vanno dal 1990 al 2041, che sarebbe il nostro tempo presente.

La protagonista, SabnaQƒ2, affronta il discorso celebrativo analizzando le ragioni che avevano spinto gli uomini e le donne dell’epoca a cadere tanto in basso: frustrazione, ignoranza, miseria, compensate da ore e ore trascorse a litigare su facebook e a guardare programmi demenziali, incapaci di reagire alle innumerevoli angherie a cui venivano continuamente sottoposti. Una ricerca storica accurata che esamina la televisione dell’epoca, i suoi leader, le convinzioni economiche e politiche, i passaggi storici nodali e che ci restituisce una imperdibile conferenza spettacolo sull’attualità politica e sociale, anche attraverso l’interpretazione di una galleria di personaggi contemporanei … consentendo agli spettatori di farsi belle risate, salutari e liberatorie!

Nato da approfondite ricerche sul sistema economico post- capitalista o neoliberista su cui l’autrice sta lavorando già da qualche anno, lo spettacolo affronta questioni complesse e riflessioni importanti attraverso la comicità e la satira, mettendo il pubblico nella condizione di divertirsi e capire qualcosa in più.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook