Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: TERRORISMO, FERMATA RICERCATRICE UNIVERSITARIA

PALERMO: TERRORISMO, FERMATA RICERCATRICE UNIVERSITARIA

La polizia ha fermato una ricercatrice che faceva propaganda per Al Qaeda sul web. Si tratta di una 45enne libica che vive in Sicilia da tre anni e lavora all'università di Palermo. La donna è sotto controllo da mesi e sarebbe imparentata con membri di un'organizzazione dedita ad attentati. Dalle indagini è stato appurato ha aveva contatti con alcuni "foreign fighters".

 

 

PALERMO: TERRORISMO, FERMATA RICERCATRICE UNIVERSITARIA –

Palermo. Una ricercatrice universitaria Khadgia Shabbi , 45 anni, di nazionalità libica che vive a Palermo da tre anni è stata fermata dalla polizia su ordine della Procura. Alla donna è stata contestata l’istigazione a commettere reati di terrorismo, infatti, era in contatto con diversi ‘foreign fighters’ e faceva propaganda per Al Qaeda sul web. Intanto, il gip di Palermo Fernando Sestito non ha però convalidato il fermo. Secondo il magistrato non sussiste il pericolo di fuga e quindi non ha applicato alla donna la custodia cautelare in carcere, come chiesto dalla Procura. Alla ricercatrice le è stato comandato l’obbligo di dimora a Palermo senza imporre all’indagata alcun divieto di comunicazione con l’esterno. Il procuratore di Palermo Francesco Lo Voi ha manifestato il suo dissenso e ha detto che: “La misura è del tutto inadeguata alle esigenze cautelari e all’intensissima rete di rapporti intrattenuti dall’indagata, oltre che contraddittoria e contraria alla più recente giurisprudenza. Pertanto la impugneremo”. Il gip che ha riconosciuto comunque la sussistenza dei gravi indizi a carico della donna, non ritiene che possa esserci rischio di inquinamento probatorio, ma solo la possibilità che reiteri il reato, circostanza che, a parere del magistrato, rende sufficiente la misura dell’obbligo di dimora con divieto di uscire durante le ore notturne.

Gli inquirenti le contestano l’istigazione a delinquere in materia di terrorismo aggravata dalla transnazionalità. Inoltre, la ricercatrice sarebbe imparentata con esponenti di una facolta_economia_palermoorganizzazione terroristica coinvolta nell’attentato all’ambasciata americana in Libia nel 2012 e avrebbe fatto propaganda sui social ad Al Qaeda. Gli investigatori durante una perquisizione hanno trovato molto materiale investigativo che è al vaglio dei magistrati. In seguito ad alcune segnalazioni, gli agenti di polizia, dopo aver accertato i suoi contatti con due ‘foreign fighters’, uno in Belgio, l’altro in Inghilterra, la hanno tenuta sotto controllo per mesi. La donna avrebbe anche cercato di pianificare l’arrivo in Italia di un suo cugino, poi morto in Libia in uno scontro a fuoco e avrebbe mandato diverse somme di denaro in Turchia.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook