Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MORTE NICOLE: SEI INDAGATI

MORTE NICOLE: SEI INDAGATI

Tre i medici accusati di omicidio colposo, mandati anche per il direttore sanitario, una ostetrica e un infermiere. La neonata è deceduta poco dopo il parto avvenuto nella clinica Gibiino poi il lungo viaggio per il ricovero.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MORTE NICOLE: SEI INDAGATI –

Morte Nicole. La piccola morta poco dopo la nascita nella clinica Gibiino. La Procura di Catania ha chiuso l’inchiesta sulla morte della neonata Nicole Di Pietro. Emessi sei provvedimenti che gli agenti della polizia di stato hanno notificato alla ginecologa Maria Ausilia Palermo, al neonatologo Antonio Di Pasquale e all’anestesista Giovanni Gibiino, indagati per omicidio colposo; l’ostetrica Valentina Spanò per false attestazioni; il direttore sanitario Danilo Audibert e l’infermiere professionale Fabrizio Paglia per favoreggiamento personale. La Procura ne ha dato notizia spiegando che alla ginecologa Maria Ausilia Palermo, al neonatologo Antonio Di Pasquale e all’anestesista Giovanni Gibiino, è contestato l’omicidio colposo per “aver cagionato, con condotte gravemente colpose, attive ed omissive, il decesso della neonata”.
Secondo la Procura: “Da un lato, nella fase precedente al parto la ginecologa non avrebbe proseguito il doveroso e accurato monitoraggio del feto durante il travaglio che avrebbe consentito di prevenire la sofferenza fetale poi verificatasi ricorrendo ad un parto cesareo d’urgenza; dall’altro lato, dopo la nascita di Nicole Di Pietro, il neonatologo e l’anestesista avrebbero eseguito manovre rianimatorie inadeguate, aggravando così la sofferenza respiratoria della neonata fino al suo decesso avvenuto per arresto irreversibile delle funzioni vitali consecutivo a grave sofferenza acuta fetale”.Morte Nicole sei indagati
Contestato anche il reato di falso ideologico ai tre medici che furono sospesi dalla professione dal Gip fino al prossimo 27 dicembre: “false attestazioni nella cartella neonatale di Di Pasquale e di Gibiino in ordine agli interventi rianimatori praticati e alle condizioni di salute della bambina immediatamente dopo la nascita, con l’annotazione di valori incompatibili con le reali condizioni di salute della neonata” e “false attestazioni della ginecologa Palermo e dell’ostetrica Valentina Spanò nella scheda di travaglio della partoriente, che riporta un valore del battito cardiaco del feto”. Per quanto riguarda il direttore sanitario Danilo Audibert e dell’infermiere responsabile di sala operatoria Fabrizio Paglia, la Procura contesta il favoreggiamento personale e false informazioni al Pm: “sulla presenza in sala parto del kit di emergenza neonatale”.
Lesioni personali colpose nei confronti di Tania Laura Egitto, madre di Nicole, allora commesse dalla ginecologa Palermo per “la mancata rimozione di una garza durante le fasi di applicazione dei punti di sutura post partum, con conseguente insorgenza di un’infezione protrattasi per 13 giorni fino alla definitiva rimozione del corpo estraneo, avvenuta al pronto soccorso dell’ospedale Cannizzaro di Catania”. Le indagini dell’inchiesta sono state coordinate dal procuratore Michelangelo Patanè e dai sostituti Alessandra Tasciotti e Angelo Brugaletta, effettuate dalla squadra mobile della Questura di Catania.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook