Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

RAGUSA: FERMATO SIRIANO, FORSE VICINO A ISIS

RAGUSA: FERMATO SIRIANO, FORSE VICINO A ISIS

Nel capoluogo ibleo, la polizia ha fermato un ventenne siriano, nel suo cellulare sms e foto che potrebbero provare il legame con lo stato islamico. Il ragazzo è stato sentito per alcune ore dai magistrati catanesi. Era sbarcato il 4 dicembre a Pozzallo. Sul telefonino slogan "Allah è grande, ma l'Isis di più".

Print Friendly, PDF & Email

 

 

RAGUSA: FERMATO SIRIANO, FORSE VICINO A ISIS –

Ragusa. La polizia del capoluogo ibleo ha bloccato e perquisito un ventenne siriano, perché sospettato di legami con lo stato islamico. Sul suo cellulare, tra i messaggi analizzati dalla polizia postale etnea, vi era anche questo sms: “Allah è

Sbarco migranti

Sbarco migranti

grande, ma l’Isis di più”. Il 4 dicembre scorso, il giovane, era sbarcato a Pozzallo assieme ad altri 523 migranti. A fermarlo gli agenti della Digos e pare che la sua appartenenza all’Isis sarebbe comprovata dalle immagini trovate nel suo cellulare. Il gip di Catania, Daniela Monaco Crea, lo ha interrogato per alcune ore e poi confermato l’arresto. Intanto, continuano le indagini degli investigatori per appurare se il ragazzo avesse sviluppato dei contatti con altre cellule terroristiche.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook