Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CUFFARO, SCONTATA LA PENA, LASCIA IL CARCERE

CUFFARO, SCONTATA LA PENA, LASCIA IL CARCERE

L'ex presidente della regione siciliana Totò Coffaro è tornato in libertà dopo essere stato condannato a 7 anni di carcere per favoreggiamento alla mafia. L’ex governatore che ha scontato meno di 5 anni sulla pena totale ha dichiarato ai cronisti di non sentirsi tradito confermando di aver pagato i propri errori e che in futuro andrà per volontariato in africa a fare il medico.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

TOTÒ CUFFARO, SCONTATA LA PENA, LASCIA IL CARCERE DI REBIBBIA –

Totò Cuffaro esce dal carcere dopo aver scontato per la precisione 4 anni e 11 mesi: la condanna definitiva era sette anni. Il politico siciliano non è uscito dall’ingresso principale del carcere di Rebibbia ma da quello dell’Aula Bunker in via del Casale di San Basilio. Ad aspettarlo fuori dal carcere il figlio e il fratello Silvio ha detto: “per noi oggi è il giorno della liberazione. Ci siamo liberati di questo peso, di questo fardello. Iniziamo una nuova vita. È una grande gioia avere di nuovo mio fratello con noi. Una persona sempre presente nella famiglia e che per cinque anni ci è mancata. Siamo pronti a partire verso la Sicilia. Il luogo lo stabilirà lui quando uscirà – aggiunge – Totò ha sempre detto cosa vuole fare da uomo libero. Con la politica ha chiuso”.
L’ex governatore della Sicilia aveva con sé degli scatoloni che contenevano lettere ricevute durante il suo periodo di detenzione. L’ex presidente della Regione Siciliana torna uomo libero avendo chiuso i conti con la giustizia, grazie all’indulto di un anno per i reati “non ostativi” e lo sconto di 45 giorni ogni sei mesi per buona condotta. Resteranno emblematiche le sue prime parole da uomo libero che ha rilasciato: “è bello respirare la libertà. Oggi posso dire di aver superato il carcere. La politica attiva, elettorale e dei partiti è un ricordo bellissimo che non farà parte della mia nuova vita. Ora ho altre priorità. Ho amato la politica e non rinnego nulla di ciò che ho fatto – ha aggiunto – non mi sento tradito”. Ancora Cuffaro ha raccontato: “ho ricevuto 14 mila lettere – spiega – sono parte della mia vita. Le terrò con me. Nella mia coscienza sono innocente. Sono andato a sbattere contro la mafia. Tornassi indietro metterei un airbag”. Poi chiosa:”Ho fatto degli errori, non mi voglio nascondere io li ho pagati, altri no. Ora credo di avere il diritto di ricominciare”. E ancora: “è stato grande il prezzo che ho pagato per aver deciso di stare in mezzo alla gente – continua Cuffaro – Appartiene alla mia coscienza ciò che sono stato. Non ne voglio più parlare. cuffaro_totò3Credo di non aver mai favorito la mafia ma di averla sempre osteggiata e parlano gli atti amministrativi per me. Per fare una vera lotta alla mafia credo sia necessario l’impegno delle forze di polizia, dei magistrati. Ma se lasciassimo la lotta solo a loro credo che purtroppo non riusciremmo a raggiungere l’obiettivo finale. È necessario ci sia una grande educazione. E questo è il grande errore della politica. Fin quando non sarà data alle persone la possibilità di scegliere di stare nella legalità sarà difficile vincere la mafia”. “Non credo la Sicilia sia cambiata in meglio. Io credo che Vecchioni abbia detto una cosa con amore. Forse non lo sa Crocetta ma pure questo è amore. La Sicilia, la nostra terra, è straordinaria, bellissima e merita di essere servita – aggiunge – Quello che vedo nella politica di oggi in Sicilia è poco amore per le cose che si fanno. Quando non ci sono ideali la politica rischia di essere sterile e inumana. È diventata cattiva la politica di ora”. “Credo che io abbia il dovere di continuare ad occuparmi dei detenuti e di seguire le vicende delle carceri perché possano diventare più umane e vivibili. Vivendo in questi anni dentro una cella insieme ad altri ho capito quanto è importante non sentirsi abbandonati e dimenticati”.
L’ex presidente Cuffaro si recherà dalla mamma: “Andrò a vedere mia madre. Non mi hanno permesso di vederla. Uno Stato che vuole rieducare non può dire non ti facciamo vedere tua madre perché siccome ha l’arteriosclerosi l’incontro sarebbe svuotato da ogni contenuto di umanità – spiega -. Io credo che lo Stato non debba dirlo e soprattutto chi per conto dello Stato amministra la giustizia”. “Non era scontato che riuscissi a superare il carcere. Non era semplice farcela tenendo sana la mente ed integro il cuore. Il carcere non è un posto normale, ti toglie il fiato e tante altre cose, però non è riuscito a togliermi l’amore della mia famiglia. E non mi ha impedito di amare la mia Sicilia e il nostro Paese”. Continua dicendo: “Se ce l’ho fatta lo devo al mio senso delle istituzioni, al rispetto che ho sempre avuto per la giustizia e alla fede che mi ha sempre accompagnato in questi anni difficili – spiega – Ho lasciato fuori le mura qualsiasi tipo di risentimento. Sono un cattolico e il perdono è una delle cose più importanti”.
Totò Cuffaro, ex presidente della Regione siciliana, è il politico che ha scontato la pena più lunga e non può assumere incarichi pubblici, inoltre è stato condannato all’interdizione dai pubblici uffici. Ma tutti pensano che avrà o gli attribuiranno un ruolo politico. L’unica cosa che Cuffaro ha detto, in una lettera al governatore siciliano Rosario Crocetta, è il suo desiderio di recarsi presto in Burundi come volontario.
Totò Cuffaro in merito al suo futuro ha scritto: “Ho già preso contatto e andrò in Burundi a fare il medico volontario presso l’ospedale Cimbaye Sicilia, l’ospedale che, quand’ero presidente, la Regione Siciliana ha finanziato con i soldi del Fondo della Solidarietà”. Il carcere ha segnato l’ex governatore, in cella ha anche scritto due libri di sofferta testimonianza: “Il candore delle cornacchie” e “Le carezze della nenia”. All’interno dei testi le riflessioni maturate in un ambiente dove “si muore e si risorge ogni giorno”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook