Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: 10 ANNI AL BIDELLO CHE VIOLENTAVA FIGLIA ADOTTIVA

PALERMO: 10 ANNI AL BIDELLO CHE VIOLENTAVA FIGLIA ADOTTIVA

Secondo il racconto della ragazza, il patrigno avrebbe abusato di lei tra il 1997 e il 2008, fin da quando aveva solo otto anni. L’orco aveva adottato la bimba dopo averne sposato la madre. Nonostante la figlia raccontava alla madre delle violenze subite la donna non ha mai creduto alla piccola che tentava di confidarsi. Poi la confessione alle assistenti sociali e l’arresto.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PALERMO: 10 ANNI AL BIDELLO CHE VIOLENTAVA FIGLIA ADOTTIVA –

Palermo. Condannato a dieci anni per violenze sessuali sulla figlia adottiva. E’ la squallida storia di un bidello palermitano, che adesso vive nel nord Italia. Il tribunale di Palermo, accogliendo le richieste del pm Fabiola Furnari abusi_violenza_bnha deciso la pena. L’orco aveva adottato la bimba dopo aver sposato la madre che l’aveva avuta da una precedente relazione. Secondo quanto raccontato dalla ragazza, il patrigno, avrebbe abusato di lei tra il 1997 e il 2008, fin da quando aveva solo otto anni. La vittima ha più volte cercato di parlare con la madre delle violenze, ma la donna non ha mai creduto alla figlia, scoraggiandola addirittura dal denunciare i fatti. La ragazza ha però raccontato tutto agli assistenti sociali ed è scattato il meccanismo delle indagini, poi l’arresto del bidello, infine la condanna.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook