Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

RACITI MINACCIATO DI MORTE, LA SOLIDARIETA’

RACITI MINACCIATO DI MORTE, LA SOLIDARIETA’

Fausto Raciti, segretario regionale del Pd ha ricevuto una lettera anonima contenete minacce di morte. La missiva è stata scritta con una macchina da scrivere. I funzionari della Digos di Palermo hanno sentito il deputato nazionale.

 

 

RACITI MINACCIATO DI MORTE, LA SOLIDARIETA’ –

Raciti ha denunciato l’accaduto alla polizia di Stato. Il segretario regionale del Pd, Fausto Raciti ha ricevuto una lettera che conteneva minacce di morte recapitata nella sede dei democratici, in via Bentivegna a Palermo. All’interno del plico anonimo, un foglio stilato con una macchina da scrivere, tra le righe si legge: “Noi ti sgozzeremo. raciti_fausto_seg_reg_pdSappiamo i tuoi movimenti, guardati attorno, ti uccideremo”. Raciti, che è anche deputato nazionale, ha denunciato l’accaduto ed è stato subito ascoltato dai funzionari della Digos di Palermo.

 

Sono molti i messaggi di solidarietà indirizzati al segretario regionale del Pd, Fausto Raciti, destinatario di una lettera di minacce di morte:

Giovanni Panepinto, vicepresidente del gruppo Pd all’Ars: “La Sicilia attraversa una fase difficile e piena di tensioni sociali: quello che è successo è un segnale inquietante che non deve essere sottovalutato”, si associano anche i deputati del gruppo Pd all’Ars che esprimono la loro solidarietà al segretario Raciti: Mario Alloro, Giuseppe Arancio, Anthony Barbagallo, Marika Cirone Di Marco, Antonello Cracolici, Pippo Digiacomo, Nello Dipasquale, Baldo Gucciardi, Giuseppe Laccoto, Giuseppe Lupo, Mariella Maggio, Bruno Marziano, Antonella Milazzo, Raffaele Nicotra, Filippo Panarello, Concetta Raia, Paolo Ruggirello, Luca Sammartino, Valeria Sudano e Gianfranco Vullo.
Fabrizio Ferrandelli (Pd) su Twitter interviene: “So che non ti lascerai intimidire, coraggio Fausto!”.
Messaggio di solidarietà anche dalla Cgil: “Siamo vicini al segretario Raciti e nell’attesa che gli organi inquirenti facciano luce sull’episodio non possiamo che prendere atto, in tema di sicurezza, che questa città è senza prefetto dal 6 novembre, da quando il prefetto Francesca Cannizzo è stata spostata ad altro incarico”. Il segretario generale della Cgil Sicilia, Michele Pagliaro ribadisce: “esprimo la totale e convinta solidarietà all’amico Fausto Raciti e a tutto il Pd siciliano per le vili minacce ricevute”.
Enzo Bianco sindaco di Catania : “Sono colpito dalla lettera di minacce giunta a Raciti. A lui va la solidarietà sia umana sia istituzionale per il vigliacco atto intimidatorio subito”.
La Cisl Sicilia esprime solidarietà a Raciti: “Le parole usate, ‘ti sgozzeremò, ‘ti uccideremò, suscitano soltanto sentimenti di ribrezzo”, afferma Mimmo Milazzo, segretario regionale. “Sono parole di una violenza inaudita quelle rivolte a Raciti nella lettera intimidatoria”.
Solidarietà anche dalla federazione Pd di Caltanissetta.
Fabrizio Cicchitto (Nce): “Esprimo tutta la mia solidarietà a Raciti, oggetto di una intimidazione che testimonia il fatto che tutt’ora in Sicilia esiste una minaccia mafiosa. Sono colpito dalla lettera di minacce giunta a Raciti. A lui va la solidarietà sia umana sia istituzionale per il vigliacco atto intimidatorio subito”.
Francesco Cascio, Coordinatore regionale di Ncd:“esprimo la mia solidarietà a Raciti, certo che proseguirà la sua azione politica con la tenacia di sempre. Nel rinnovargli la mia stima auspico si faccia presto piena luce su questo gesto criminale”
Dore Misuraca, deputato di Area popolare e Responsabile nazionale degli enti locali Ncd sottolinea: “Il suo impegno politico e il suo entusiasmo di uomo delle istituzioni non verranno scalfiti da alcuna minaccia o tentativo di intimidazione”.
Forza Italia rappresentata dal commissario in Sicilia, Gianfranco Miccichè e l’onorevole Marco Falcone, capogruppo azzurro all’Ars esprimono al segretario del Partito democratico siciliano solidarietà e vicinanza: “Il confronto politico ci sta tutto, anche quando è aspro la violenza va invece sempre condannata con decisione”.
Michela Giuffrida, eurodeputato del Pd, interviene: “Minacce e intimidazioni non fermeranno Fausto Raciti né il difficile lavoro che come segretario regionale del Pd lui sta portando avanti. Sono certa che gli inquirenti individueranno al più presto l’autore di un gesto tanto vile quanto preoccupante. A Fausto esprimo vicinanza e solidarietà”.
Anche il deputato nazionale del Partito Democratico, Giuseppe Berretta in una nota scrive: “sono sicuro che gli inquirenti faranno luce su questo inquietante episodio, come sono certo che le intimidazioni non avranno alcun effetto sull’impegno di Fausto, in Parlamento e in Sicilia”.
Giovanni Pistorio, assessore per le infrastrutture della Regione siciliana invia il suo messaggio: “sono certo che non si farà intimidire e che continuerà a svolgere con serenità il suo impegno a servizio della Sicilia e dei siciliani”.
Magda Culotta, deputato del Pd, ribadisce: “Nessuno provi a ostacolare l’operato del nostro segretario con strumenti diversi da quelli democratici”.
Matteo Mauri vice presidente vicario del gruppo Pd alla Camera ribadisce: “Desidero esprimere tutta la mia solidarietà e concreta vicinanza a Fausto Raciti per le gravi minacce ricevute. Si tratta di atti vili da condannare con la massima fermezza da parte di tutti”.
Lillo Speziale, esponente del Pd e già presidente della commissione regionale Antimafia: “Conosco Fausto, il suo rigore intellettuale e la sua passione per la buona politica: non sarà certo una vigliacca lettera a fermare il suo impegno per la Sicilia”, .
Per il segretario provinciale di Palermo del Pd, Carmelo Miceli è “opera di vigliacchi”. Tutta la segreteria provinciale esprime pieno sostegno a Raciti, nella certezza che, sia in qualità di parlamentare nazionale che di segretario regionale del partito, il suo impegno continuerà con la determinazione di sempre”. Antonio Rubino, responsabile Organizzazione Pd e componente della segreteria regionale: “Siamo vicini a Fausto Raciti, a lui va il nostro pieno sostegno e la massima solidarietà”.
Il presidente del Pd Sicilia, Giuseppe Bruno , aggiunge: “Sono vicino a Fausto Raciti, persona seria e moralmente rigorosa. Sono certo che tale episodio alimenterà ancora di più il suo impegno per la Sicilia”.
Giuseppe Picciolo, capogruppo di Sicilia Futura all’Ars afferma: “siamo certi che Raciti è persona che non cede alle minacce e che quindi proseguirà il suo impegno a testa alta. Auspichiamo che le indagini abbiamo un buon esito per chiarire ogni aspetto, anche quando si dovesse trattare dell’opera di un mitomane”.
Giovanni Di Giacinto, capogruppo del Megafono-Pse all’Ars interviene: “A Raciti va il nostro invito a proseguire a testa alta il suo lavoro”.
Solidarietà anche da Lillo Firetto sindaco di Agrigento.
Il sindaco di Acireale, Roberto Barbagallo, esprime piena solidarietà umana e politica.
Gianpiero D’Alia, presidente della commissione bicamerale per le questioni regionali dice: “Non possiamo rassegnarci alla gratuità brutalità delle lettere intimidatorie che puntualmente si ripropongono in Sicilia. Spiace che questa volta sia capitato al collega Raciti a cui va la mia totale solidarietà”.
Il deputato nazionale del Pd, Antonino Moscatt, afferma: “Siamo e saremo intransigenti davanti a gesti vigliacchi ed intimidatori”,
le deputate democratiche Concetta Raia e Luisa Albanella con l’assessore del comune di Catania Angelo Villari: “nel condannare e respingere con forza ogni forma di violenza, esprimiamo la nostra vicinanza e solidarietà al segretario regionale Pd”.
Simone Valiante, deputato del Pd e portavoce di AmiciDem dice: “le odiose minacce ricevute da Raciti sono la prova che il suo operato dà fastidio al malaffare e alla corruzione. Siamo tutti vicini a Raciti e al suo impegno per il bene della Sicilia”.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook