Archiviato in | Musica, Spettacolo

GUE PEQUENO A CATANIA – INTERVISTA

GUE PEQUENO A CATANIA – INTERVISTA

Gue Pequeno amato dagli adolescenti ha appena pubblicato il suo nuovo lavoro discografico “Vero Royal Edition”. Il noto rapper all'Instore di Catania per celebrare il disco d’oro del suo precedente album.

Un pubblico proveniente da tutta l’isola ha accolto l’InStore Tour di Gue Pequeno a Catania. Il noto rapper amato dagli adolescenti ha appena pubblicato il suo nuovo lavoro discografico “Vero Royal Edition” per celebrare il disco d’oro del suo precedente album. In questo nuovo progetto si trovano tanti nuovi pezzi. Tante collaborazioni tra cui con Peppino Di Capri.

Non è strana questa collaborazione?

“Ci volevamo divertire e ci siamo riusciti – spiega Gue Pequeno. Il brano “Fiumi di Champagne” è la colonna sonora del nuovo film “Natale con il boss”, dove appunto Peppino recita. Abbiamo voluto remixare e reinterpretare il pezzo. Un brano storico per tutti noi”.

Sui suoi canali social ha scritto “finalmente in Sicilia”, qual è il suo rapporto con la nostra isola?

“Mi piace un sacco. Qui ho un sacco di amici. Quest’estate ho fatto tante date in Sicilia. Adesso a fine gennaio partirà il mio tour che a giugno mi vedrà protagonista anche in Sicilia. Non vedo l’ora”.

Milioni di visualizzazioni per ogni suo video su Youtube. Un dato importante.

“Le visualizzazioni non sono tutto. C’è molto gente che guarda questi numeri ma a me non importa. Il fatto che vengano visti i miei video è un piacere ma non sto a controllare i numeri”.

Il singolo “Mollami” è riferito ad una ragazza. Lei cosa mollerebbe in Italia?

“Dobbiamo mollare una serie di abitudini brutte che hanno gli italiani. Dobbiamo cominciare a fregarcene di tutti e soprattutto mollare i politici italiani”.

Come si spiega il successo dei rapper in Italia?

“E’ un successo percepito male perché in realtà la musica piace molto ai ragazzi ma in Italia in realtà vanno sempre per la maggiore i cantanti pop. Questa cosa dei rapper che spaccano sicuramente non ci lamentiamo ma non siamo all’estero dove l’hip hop è campione”.

Quando scrive un pezzo pensa agli adolescenti che lo andranno ad ascoltare?

“No perché farei il professore. Ognuno è libero di fare l’arte che vuole. Come quando fai un film. E ovvio che ognuno deve caprie quello che ascolta. Il mio disco su Itunes è definito musica esplicita e deve essere sbloccato. I ragazzi possono decidere cosa ascoltare e poi io da piccolo guardavo e ascoltavo le peggio così”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook