Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

AGRIGENTO: CORRUZIONE AGENZIA ENTRATE, ARRESTATE 15 PERSONE

AGRIGENTO: CORRUZIONE AGENZIA ENTRATE, ARRESTATE 15 PERSONE

Bufera suI vertici dell’agenzia delle Entrate di Agrigento e Palermo. La guardia di finanza Tra i quindici arrestati anche il direttore Tascarella e un ex dirigente in servizio a Palermo. Indagato anche l'imprenditore Marco Campione presidente di Girgenti Acque. Tutti gli arrestati

 

 

AGRIGENTO: CORRUZIONE AGENZIA ENTRATE, ARRESTATE 15 PERSONE –

Agrigento. Il Gip del Tribunale di Agrigento, Francesco Provenzano ha firmato un provvedimento di misure cautelari nei confronti di 15 persone. Il documento è stato notificato dagli agenti della guardia di finanza, tra gli arrestati un funzionario dell’Agenzia delle Entrate di Agrigento, Vincenzo Tascarella, e l’ex dirigente in servizio alla direzione regionale delle Entrate di Palermo e dal 13 gennaio del 2014 direttore della direzione provinciale delle entrate di Agrigento, Pietro Pasquale Leto. Indagato anche l’imprenditore Marco Campione presidente di Girgenti Acque, consorzio che si occupa di distribuzione idrica. Il funzionario dell’agenzia delle Entrate di Agrigento, Vincenzo Tascarella, è stato arrestato.
Scrive la Procura: “Nella sua qualità di pubblico ufficiale accettava la promessa di una somma di denaro per omettere atti del proprio ufficio e/o per compiere atti contrari ai propri doveri d’ufficio. Tascarella – evidenzia la Procura – accettava la promessa della somma di denaro per favorire l’annullamento dell’avviso di accertamento da lui stesso emesso con un provvedimento di autotutela, “piegando” la propria funzione istituzionale di funzionario agenzia_entrate_logo2dell’agenzia delle Entrate all’interesse della società contribuente”. Agli arresti domiciliari, con obbligo di braccialetto elettronico, vi è anche Pietro Pasquale Leto che all’epoca in cui è stata avviata l’inchiesta era dirigente in servizio alla direzione regionale delle Entrate di Palermo e dal 13 gennaio del 2014 direttore della direzione provinciale delle entrate di Agrigento. In merito la Procura della Repubblica di Agrigento scrive: ” Leto, nella sua qualità di pubblico ufficiale, accettava la promessa di Marco Campione, rappresentante legale della Girgenti Acque di altra utilità, consistente nell’assunzione a tempo indeterminato della propria figlia, presso l’ufficio legale della Girgenti Acque”.
Arresti domiciliari, con l’obbligo del braccialetto elettronico, anche per Marco Campione, imprenditore agrigentino presidente di Girgenti Acque, consorzio che si occupa della distribuzione idrica nell’Agrigentino.
I NOMI DEI QUINDICI SOTTOPOSTI A PROVVEDIMENTO RESTRITTIVO DEL GIP DI AGRIGENTO:
Oltre al funzionario dell’Agenzia delle entrate Vincenzo Tascarella, Antonio Vetro, Giuseppe Cumbo e Giuseppe Castronovo. Ai domiciliari, con l’obbligo di braccialetto elettronico, oltre all’imprenditore Marco Campione, rappresentante legale di Girgenti Acque, e a Pietro Pasquale Leto, dal 13 gennaio del 2014 direttore della direzione provinciale delle Entrate di Agrigento, sono stati posti: Filippo Ciaravella, Salvatore La Porta, Michele Daina, Antonino Migliaccio e Dario Peretti. Obbligo di presentazione alla Polizia giudiziaria per Francesca Leto e Piera Callea. Sottoposti al divieto temporaneo di esercizio della professione medica Santo Pitruzzella per sei mesi e Giovanni Crapanzano per otto mesi.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook