Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SANTA BARBARA PATERNO’, INCHINO DEI CEREI DAVANTI CASA DEL BOSS

SANTA BARBARA PATERNO’, INCHINO DEI CEREI DAVANTI CASA DEL BOSS

Durante la processione di Santa Barbara, l'omaggio con inchino davanti casa di un noto esponente del clan Santapaola, attualmente detenuto. Il questore su segnalazione dei carabinieri inibisce la partecipazione per tutta la durata della festa ai conduttori e alle due “varette”.

 

 

SANTA BARBARA PATERNO’, INCHINO DEI CEREI DAVANTI CASA DEL BOSS –

Paternò. L’omaggio con inchino è avvenuto questa volta durante la processione in onore alla patrona di Paternò, paese in provincia di Catania. Ancora un “inchino” in onore di mafiosi durante una festa. Si sa a Paternò la festa di Santa barbara e fortemente sentita dai cittadini che ogni anno si riversano numerosissimi per le strade. A un certo punto durante la processione religiosa alcuni cerei si sono fermati davanti alla casa di un noto esponente del clan Santapaola, attualmente detenuto che abita vicino al Municipio ed è stato eseguito il doppio “inchino”. Sarebbero stati i conduttori che portavano in spalla i due cerei ad ‘omaggiare’ il boss. Un gesto che i carabinieri mischiati tra la folla hanno notato. “L’omaggio” è avvenuto tra le 12.55 e le 13.20: i carabinieri in servizio hanno constatato che due cerei si sono fermati davanti all’abitazione della famiglia mafiosa collegata al clan dei Santapaola. I portatori hanno eseguito a turno il classico ‘dondolamento’, simulando un inchino riverenziale davanti al figlio del detenuto, dal quale si si sono congedati con il rituale del bacio finale.
Il questore di Catania, Marcello Cardona, in una nota emanata ritiene che: “su segnalazione del comando provinciale dei carabinieri e su conforme orientamento del prefetto, ha disposto il divieto di partecipare allo svolgimento delle manifestazioni religiose dei due comitati organizzativi”, inoltre aggiunge l’alto funzionario di Polizia: “tale episodio indichi una chiara manifestazione della forza intimidatrice, tipica del potere mafioso, dando luogo a una condotta pregiudizievole per il mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica nell’ambito della festività in corso, ha emanato in via d’urgenza, il provvedimento di divieto della manifestazione fino al 12 dicembre prossimo nei confronti dei due comitati organizzativi autori del gesto”.
Il sindaco Mauro Mangano con l’intera Giunta, il presidente del Consiglio Comunale, Laura Bottino, assieme al Consiglio Comunale, hanno diramato una nota nella quale specificano che: “Appoggiamo e condividiamo pienamente la decisione della Questura di Catania e ci sentiamo confortati dalla pronta reazione delle Forze dell’Ordine davanti a questi gravi fatti. Approfittare della festa in onore dalla nostra Santa Patrona per veicolare messaggi contro la legalità, e di compiacenza verso la cultura mafiosa, costituisce un atto intollerabile per la comunità paternese. Questo episodio non rappresenta, nel modo più assoluto, lo spirito delle celebrazioni legate al culto barbarino, e chi ha compiuto tale gesto non ha nulla a che vedere né con il Comune, né con il Comitato dei Festeggiamenti, che da anni collaborano insieme per l’organizzazione della festa. Faremo tutto ciò che è in nostro potere per impedire agli autori del gesto di partecipare, in futuro, a qualsiasi iniziativa legata alle celebrazioni in onore di Santa Barbara”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook