Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

OPERAZIONE GOLDEN CIRCUS A PALERMO, NUOVI ARRESTI

OPERAZIONE GOLDEN CIRCUS A PALERMO, NUOVI ARRESTI

L'organizzazione scoperta giorni fa, per regolarizzare in modo illecito gli immigrati clandestini, era specializzata a sfruttare i canali dello spettacolo e in particolar modo i circhi. Arrestata una dipendente dell'assessorato regionale alla Famiglia e altre 14 persone. I NOMI

Print Friendly, PDF & Email

 

 

OPERAZIONE GOLDEN CIRCUS A PALERMO, NUOVI ARRESTI –

Operazione Golden Circus. E’ scattata una seconda parte dell’operazione “Golden Circus” condotta dalla squadra mobile di Palermo, durante la quale è stata annientata un’organizzazione che speculava sull’immigrazione clandestina. Il nome dell’operazione spiegano dalla questura è di fantasia e nulla a che fare con l’omonimo “Festival internazionale di Roma Capitale – Golden Circus”. Lo scorso 10 novembre erano state fermate 41 persone, responsabili, a vario titolo, di associazione a delinquere, con l’aggravante della transnazionalità, dedita al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina nel territorio nazionale di cittadini provenienti, prevalentemente dall’India, Pakistan e Bangladesh. In quella circostanza, sono stati contestati anche i reati di corruzione di pubblici ufficiali, falso materiale e ideologico.
Gli arrestati sono:
Guglielmo Allemano, considerato uno degli ideatori del sistema che consentiva di regolarizzare in modo illecito gli immigrati clandestini e stretto collaboratore dei vertici dell’associazione.
Salvatore D’Antona, commercialista e titolare dell’omonimo studio di Trapani. Egli si sarebbe interessato a creare, in provincia di Trapani, ulteriori ragioni commerciali di alcune delle imprese circensi coinvolte. Inoltre, avrebbe collaborato con l’associazione in qualità di consulente contabile.
Gaetano Pappalardo, commercialista a Salerno, avrebbe prestato la propria attività professionale quale intermediario in favore dei vertici, anch’egli sarebbe considerato nell’organico dell’associazione.
Anna Maria Cristina Mantione, dipendente dell’assessorato regionale alla Famiglia di Palermo, risulterebbe responsabile del reato di favoreggiamento reale, per la sua collaborazione con Vito Gambino, altro dipendente arrestato nella prima operazione del 10 novembre, però non risulta inserita nell’associazione incriminata.
Giuseppe Bivona titolare di una struttura ricettiva di Agrigento, avrebbe collaborato attivamente con l’associazione, permettendo a diversi impresari circensi di eleggere la sede legale presso la sua attività commerciale.
Misure cautelari anche per: Mohammed Sajedul Islam, Mohammed Bilal, Prem Singh, già obbligati a fermo e ora sottoposti a provvedimento di custodia cautelare in carcere;
Sono stati in precedenza indagati e ora sottoposti agli arresti domiciliari: Enis Franchetti, Alberto Vassallo, Yesenia Mantarro, Marco Contino, Davide Canestrelli, Jagvinder Singh.
Secondo gli inquirenti, questo nuovo filone d’indagine ha rafforzato il convincimento che l’organizzazione per lucrare profitti sul business dell’immigrazione clandestina, si legittimasse, attraverso continue interconnessioni tra settore del pubblico impiego e delle professioni.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook