MYRMEX CATANIA: SPIRAGLI VERTENZA, IPOTESI PUBBLICO-PRIVATO

MYRMEX CATANIA: SPIRAGLI VERTENZA, IPOTESI PUBBLICO-PRIVATO

Vertenza Myrmex, da Roma si aprono spiragli per una collaborazione tra l’università di Catania e l'azienda. Secondo l'assessore Lo Bello è in fase di studio la probabilità di trovare una soluzione pubblico-privato tra Università di Catania e l'azienda mantenendo il laboratorio, l'attività di ricerca e di conseguenza i posti di lavoro". Intanto il 10 dicembre prossimo è stato fissato un nuovo tavolo per verificarne le soluzioni.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MYRMEX CATANIA: SPIRAGLI VERTENZA, IPOTESI PUBBLICO-PRIVATO –

Myrmex Catania. In merito alla vertenza Myrmex si intravedono spiragli di speranza. Mariella Lo Bello assessore regionale alle Attività produttive ha proposto una soluzione che potrebbe trovare riscontro e risolvere il problema. La soluzione in fase di studio è una forma di collaborazione tra pubblico-privato con l’Università di Catania e l’azienda, che potrebbe mantenere in vita il laboratorio, l’attività di ricerca e i posti di lavoro esistenti. Cgil e Filctem attraverso una nota intervengono affermando che: “La soluzione prospettata dalla Regione potrebbe aprire nuovi scenari che tra gli attori vedrà il rettore dell’Ateneo catanese e siamo contenti che la proposta sia stata lanciata all’interno di un ‘tavolo’ la cui azione ci appare soddisfacente così come altrettanto importanti ci appare la direttiva del Miur che ha fatto riferimento ai progetti già in itinere per Myrmex finanziati dalla Comunità europea devono rispettare i cinque anni di vincolo lavorativo. Anche sulla base di questo, ci sentiamo più forti nel chiedere all’azienda il ritiro delle procedure di mobilità”. Sono queste le novità, rese note dai sindacati, dell’incontro sulla vertenza che si è svolto al ministero delle Attività produttive. Intanto, lavoratori e rappresentanti sindacali il 10 dicembre saranno nuovamente convocati a Roma per verificare i primi esiti delle soluzioni.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook