Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CALTANISSETTA: RAPITA E VIOLENTATA PER 5 GIORNI

CALTANISSETTA: RAPITA E VIOLENTATA PER 5 GIORNI

Studentessa universitaria è stata rapita, segregata e ripetutamente violentata. La ventenne di San Cataldo dopo una festa con amici, avendo bevuto più del solito ha perso i sensi ed è stata dimenticata sul luogo. Al suo risveglio si è ritrovata segregata in casa di cinque nigeriani che l'hanno costretta anche a prostituirsi. Riuscita a scappare, la ragazza si è messa in contatto con i genitori chiedendo aiuto. Subito sono scattete le indagini.

 

 

CALTANISSETTA: RAPITA E VIOLENTATA PER 5 GIORNI –

Caltanissetta. Pericolosa vicenda accaduta a una giovane studentessa universitaria. La ventenne di San Cataldo (Cl) sarebbe stata violentata e costretta a prostituirsi per cinque giorni da cinque nigeriani. Approfittando della distrazione dei suoi aguzzini è riuscire a fuggire dal luogo dove era stata segregata e ha dato l’allarme. Sono iniziate subito le ricerche e le persone sono state rintracciate e arrestate dai carabinieri. Le manette sono scattate per Cross Agbai, 34 anni, Majesty Wibo, 31 anni, Amaize Ojeomkhhi, 27 anni Lucky Okosodo, 23 anni e Lawrence Ko Oboh, 40 anni. Secondo il racconto della giovane donna, il 22 novembre scorso si era recata in un casolare di campagna con degli amici e aveva bevuto alcolici, finendo per perdere i sensi. Nessuno degli amici si è accorto che la ragazza si era sentita male ed era rimasta priva di sensi, particolare di cui hanno approfittato i rapitori. Quando si è svegliata si è ritrovata nuda in una stanza fatiscente occupata dai cinque nigeriani. Da quel momento oltre a essere ripetutamente costretta ad avere rapporti sessuali con gli indagati era anche stata obbligata a prostituirsi con altri stranieri, che pagavano somme di denaro agli improvvisati sfruttatori. Per controllare i suoi movimenti, i cinque nigeriani l’avrebbero drogata. Gli accertamenti ai quali è stata sottoposta all’ospedale “Sant’Elia” di Caltanissetta hanno infatti confermato la presenza di tossine da stupefacenti nel sangue.
La studentessa, venerdì scorso è riuscita a scappare approfittando della distrazione dei suoi carcerieri e ha telefonato ai suoi genitori chiedendo aiuto. La sua famiglia non si era allarmata considerando che la giovane era solita non avvertire quando rimaneva fuori a dormire in casa di amici. Una volta rifocillata la ragazza ha deciso di denunciare le violenze subite ai carabinieri della locale stazione dei carabinieri fornendo tutte le indicazioni necessarie per individuare i suoi aguzzini. I militari dell’arma si sono recati sul luogo in cui era stata segregata, nel quartiere Angeli di Caltanissetta, dove trovano alloggio in affitto molti stranieri. Durante la perquisizione sono stati trovati gli effetti personali e altri oggetti di valore che la ragazza aveva con sé quando è uscita di casa. Procedono le indagini degli investigatori che sono a lavoro per individuare altri complici. Oltre ai cinque arrestati che sono stati interrogati dal gip respingendo le accuse, nel mirino dei militari ci sono altri due stranieri. Intanto il magistrato ha disposto la detenzione in carcere per i fermati.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook