Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: DIA SEQUESTRA 7 MILIONI A IMPRENDITORE LEGATO AI SANTAPAOLA

CATANIA: DIA SEQUESTRA 7 MILIONI A IMPRENDITORE LEGATO AI SANTAPAOLA

Confiscati beni all’imprenditore Giuseppe Faro, noto nel settore edilizia, vicino al clan Santapaola. Nel mirino della Dia: aziende, terreni, appartamenti, conti bancari e postali.

 

 

CATANIA: DIA SEQUESTRA 7 MILIONI A IMPRENDITORE LEGATO AI SANTAPAOLA –

Catania. Stamane agenti della Dia di Catania hanno eseguito un decreto di confisca di beni nei confronti di Giuseppe Faro. In una nota la Dia spiega che l’uomo è un: “noto imprenditore a capo di attività operanti nei settori dell’edilizia e del movimento terra, vicino all’organizzazione mafiosa facente capo al clan La Rocca, affiliata alla famiglia mafiosa Santapaola di Catania”. La Dia ha svolto indagini di natura economico-finanziaria, tra il 1992 e il 2011, finalizzate a rilevare la capacità reddituale dell’indagato e dei suoi familiari. Inoltre, hanno permesso di accertare “forti profili sperequativi”, sostengono gli investigatori, tra i redditi dichiarati ed i beni posseduti, tali da fondare la presunzione, condivisa dalla Procura Distrettuale Antimafia di Catania e accolta dalla Sezione Misure di Prevenzione del locale Tribunale, di una illecita acquisizione patrimoniale derivante dalle attività delittuose connesse all’organico e prolungato rapporto di frequentazione dello stesso con esponenti di vertice delle famiglie mafiose di Catania e Caltagirone. Con il provvedimento è stata, altresì, disposta nei riguardi di Faro la misura di prevenzione della sorveglianza speciale per la durata di 2 anni, con obbligo di soggiorno nel comune di residenza e presentazione bisettimanale all’autorità di pubblica sicurezza, nonchè il pagamento di una cauzione di 5.000 euro.
Il patrimonio confiscato è costituito da numerose ditte, operanti in buona parte nel settore edile-immobiliare, da terreni, da immobili e da fabbricati, siti nei comuni di Palagonia (Ct), San Zenone degli Ezzelini (Tv), Albignasego (Pd), Surbo (Le), da autocarri e da autovetture, oltre che da rapporti bancari e postali su tutto il territorio nazionale: il totale corrisponde a un valore di circa 7 milioni di euro. Le ricerche, hanno, inoltre evidenziato come Faro, dopo avere costituito svariate imprese e società, successivamente al suo arresto avvenuto nel 2001, abbia preferito eclissarsi dalla scena economica delegando a moglie e figli il compito di incrementare il patrimonio di famiglia, investendone i frutti, derivanti da attività delittuose, nell’acquisto di ulteriori quote societarie, nella titolarità di altre imprese o nell’acquisto di numerosi immobili e autoveicoli.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook