Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: RICHIESTE ECCESSIVE PAGAMENTO MUTUO, GIUDICE SOSPENDE CONTRATTO

CATANIA: RICHIESTE ECCESSIVE PAGAMENTO MUTUO, GIUDICE SOSPENDE CONTRATTO

Il giudice ha osservato che l'opponente ha dedotto: "l'illegittimità del precetto sotto il profilo dell'eccessività delle somme richieste, contestando la somma, superiore a 91mila euro, richiesta a titolo di interessi, la genericità della pretesa, la mancata indicazione del tasso applicato, l'omessa indicazione della sorte capitale sulla quale gli interessi sarebbero stati maturati e l'entità delle somme pagate successivamente all'intimazione del primo precetto".

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CATANIA: RICHIESTE ECCESSIVE PAGAMENTO MUTUO, GIUDICE SOSPENDE CONTRATTO –

Catania. Confconsumatori Sicilia ha reso noto che, con un’ordinanza depositata in questi giorni, il giudice della quarta sezione civile del Tribunale di Catania, Concetta Grillo ha sospeso l’esecutività di un contratto di mutuo, attraverso il quale, la banca aveva intimato a un consumatore il pagamento della complessiva somma di 146.279,89 euro per residuo capitale in virtù di mutuo, rate arretrate, interessi di mora, diritti di commissione e conguaglio rischi cambio. Nella nota, inoltre, si evince che il giudice ha anche sospeso l’esecutività del pignoramento immobiliare che nel frattempo la banca aveva eseguito. L’ordinanza è stata emessa nel giudizio di opposizione a precetto opposto dal cliente della banca dopo che gli era stato notificato l’atto di precetto contenente l’intimazione di pagamento. Nel comunicato si rendeva noto che nell’opposizione veniva evidenziata: “l’illegittimità delle pretese della banca con contestazioni specifiche delle singole voci di credito anche con il raffronto delle somme richieste in passato con un altro atto di precetto del 1993”. Il giudice ha osservato che l’opponente ha dedotto: “l’illegittimità del precetto sotto il profilo dell’eccessività delle somme richieste, contestando la somma, superiore a 91mila euro, richiesta a titolo di interessi, la genericità della pretesa, la mancata indicazione del tasso applicato, l’omessa indicazione della sorte capitale sulla quale gli interessi sarebbero stati maturati e l’entità delle somme pagate successivamente all’intimazione del primo precetto”. Attraverso la stessa ordinanza è stata disposta una consulenza tecnica d’ufficio per quantificare il credito. Il presidente di Confconsumatori Sicilia, avv. Carmelo Calì, che assiste in giudizio il socio-consumatore ha dichiarato: “Le banche continuano ancor oggi a richiedere indiscriminatamente a vario titolo somme non solo illegittime ma senza dare ragione dei criteri dei loro incomprensibili e ingiustificati calcoli. Per tali motivi è importante che i consumatori reagiscano a tali deplorevoli comportamenti in tempo utile e senza perdere tempo”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook