Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

OMICIDIO LORIS: NUOVE VERITÀ DELLA PANARELLO, INCIDENTE CON LE FASCETTE

OMICIDIO LORIS: NUOVE VERITÀ DELLA PANARELLO, INCIDENTE CON LE FASCETTE

La morte del piccolo Loris si tinge di giallo. Nuova versione della Panarello sulla morte del figlioletto: "Si è strangolato da solo, presa dal panico l'ho adagiato nel canalone". Intanto alla luce delle dichiarazioni della donna sono stati eseguiti i sopralluoghi a Santa Croce Camerina(Rg) eseguiti i sopralluoghi con la Panarello. La Cassazione: "Menzogne nelle ricostruzioni, elevato grado di probabilità della responsabilità".

Print Friendly, PDF & Email

 

OMICIDIO LORIS: NUOVE VERITÀ DELLA PANARELLO, INCIDENTE CON LE FASCETTE –

Omicidio Loris. A quasi un anno di distanza dalla morte del piccolo Loris, era il 29 settembre del 2014, colpo di scena della madre Veronica Panarello in carcere per l’omicidio del piccolo. Loris Stival sarebbe morto mentre giocava con le fascette elettriche che lo hanno strangolato. Questa risulta essere la nuova versione di Veronica. Questa nuova dichiarazione l’avrebbe resa agli investigatori e ai magistrati di Ragusa. Secondo la Panarello si sarebbe trattato di un incidente avvenuto dopo avere accompagnato a scuola il figlio più piccolo, quando, lei era tornata a casa. Sempre secondo la donna, dopo avere fatto di tutto per salvare Loris, strangolatosi con una fascetta a casa, lei si sarebbe fatta prendere dal panico. Pensando che nessuno le avrebbe creduto e non sapendo come giustificarsi ha deciso di liberarsi del corpo del figlio Loris portandolo nel canalone di contrada Mulino Vecchio e poi gettando lo zaino del bambino sulla strada verso Donnafugata.
Nuovo sopralluogo con la Panarello, accusata dell’uccisione del figlio, accompagnata dal suo avvocato ha indicato alla polizia la strada che avrebbe percorso quel giorno. Inoltre, durante la perlustrazione hanno cercato lo zainetto di colore blu con le stringhe gialle che il bimbo aveva con se quella mattina e che non è mai stato ritrovato. Alla donna è stato consentito di uscire dal carcere per eseguire le ricerche, durante le quali ha ripercorso all’interno di una volante della Polizia il tragitto effettuato la mattina del 29 novembre scorso. Dopo avere compiuto accertamenti nella zona del Castello di Donnafugata, si sono spostati sul posto dove la Panarello si sarebbe sbarazzata dello zainetto del figlio Loris. E ancora sono stati effettuati sopralluoghi nella sua abitazione di Santa Croce Camerina e nel canalone di contrada Mulino Vecchio, dove è stato trovato il corpo del bambino. Al termine, la donna è stata accompagnata in Procura, dove il procuratore Carmelo Petralia e il sostituto Marco Rota che si occupano dell’inchiesta hanno ascoltato le sue dichiarazioni.
Veronica Panarello, ha incontrato il marito, Davide Stival, dieci giorni fa, nel corso del quale avrebbe ammesso, per la prima volta, di non avere accompagnato il bambino a scuola, dicendo di non ricordare nulla e di non averlo ucciso. Il sostituto procuratore Marco Rota, lo scorso, venerdì, ha incontrato in carcere la Panarello, alla presenza del suo avvocato, Francesco Villardita. L’interrogatorio è durato per ben sette ore.
Severo è stato il giudizio della Cassazione nei confronti di Veronica Panarello sulla gravità degli indizi che la riguardano: “con elevato grado di probabilità”, i giudici, la accusano di aver ucciso, la mattina del 29 novembre di un anno fa, a Santa Croce Camerina in un moto d’impeto, il figlioletto Loris Stival di otto anni, soffocandolo con delle fascette di plastica e gettandone poi il corpo in un canalone di campagna nel ragusano.
Secondo i supremi giudici, l’ordinanza del Tribunale del riesame di Catania che ha confermato la custodia in carcere per la Panarello, si basa “su una coerente analisi critica degli elementi indizianti e sulla loro coordinazione in un organico quadro che appare dotata di adeguata plausibilità logica e giuridica nell’attribuzione a detti elementi del requisito della gravità nel senso della conducenza con elevato grado di probabilità della responsabilità dell’indagata per l’omicidio”.
Il verdetto è stato emesso dalla Prima sezione penale della Cassazione che ha depositato le diciassette pagine di motivazioni in base alle quali, lo scorso ventinove maggio, ha respinto il ricorso della difesa della giovane mamma, ventisette anni compiuti il primo novembre, contro la reclusione in cella iniziata il dodici dicembre.
Sono molteplici le tracce che incastrerebbero la Panarello. Altri elementi indizianti sono, prosegue la Cassazione, “il ritrovamento a casa dell’indagata di fascette di plastica del tipo di quella utilizzata per strangolare il bambino che la donna aveva giustificato sostenendo che il figlio le aveva portate in classe, circostanza smentita dalle insegnanti”. E poi, – prosegue il verdetto – ci sono “le menzogne dell’indagata nella ricostruzione dei suoi spostamenti”, un mucchio di bugie che la Suprema Corte definisce: “un mendacio progressivo”. Depone a suo sfavore anche “il fatto di non aver contattato il marito una volta resasi conto della scomparsa del figlio”. Quanto alla personalità di Veronica, la Suprema Corte spiega che è stata lei stessa a dare ai magistrati gli elementi per definirla come un soggetto dalla “personalità contorta”, più che le testimonianze di chi la ha descritta con un “carattere instabile”.
La Cassazione non ha dubbi ad addurre che sussistano a carico della donna: “gravi indizi di colpevolezza”. Tra questi vi sono: “gli spostamenti dell’indagata accertati tramite le videoriprese delle telecamere pubbliche e private” che “smentiscono” la sua versione dei fatti. Inoltre: “il mancato arrivo a scuola del bambino mentre l’indagata ha continuato ad affermare di averlo accompagnato a scuola”, “la localizzazione della Panarello tra le ore 9,25 e le ore 9,36 di quella mattina in zona prossima a quella in cui è stato trovato il cadavere, successivamente giustificata con il percorso fatto per mettere l’immondizia nel cassonetto, benché fosse in direzione opposta a quella per Donnafugata, luogo dove la donna si doveva recare”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook