Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

TRAPANI: BLITZ AL CLAN MESSINA DENARO, 4 ARRESTI

TRAPANI: BLITZ AL CLAN MESSINA DENARO, 4 ARRESTI

Arrestati alcuni componenti del gruppo che copre la latitanza del capomafia Messina Denaro. Nel corso delle indagini sono emersi particolari su una rapina a una società di trasporti finalizzata a finanziare altre azioni criminali in accordo con altre cosche. I nomi dei fermati

 

 

TRAPANI: BLITZ AL CLAN MESSINA DENARO, 4 ARRESTI –

Trapani. E’ in corso da parte dei carabinieri del Ros e del comando provinciale di Trapani l’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa su richiesta della Procura distrettuale antimafia di Palermo. Si tratta di quattro esponenti affiliati a cosa nostra, indagati per rapina e ricettazione aggravate dalle finalità mafiose. L’operazione è finalizzata alla cattura del boss latitante Matteo Messina Denaro. I militari dell’Arma hanno accertato che l’assalto del novembre 2013 a una società di trasporti di Campobello di Mazara (Trapani), era stato effettuato dalla famiglia mafiosa di Castelvetrano, che aveva stretto accordi con altre cosche anche per la gestione di altre azioni criminali. Durante l’operazione che riguarda la rapina al corriere “Ad Trasporti” di Campobello di Mazara che fruttò 100 mila euro sono stati arrestati: Giorgio Provenzano ritenuto dai carabinieri del Ros il capo decina del mandamento di Bagheria e due degli esecutori della rapina Domenico Amari di Villabate, Michele Musso di Palermo del quartiere Brancaccio e Alessandro Rizzo ricettatore di Palermo.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook