Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

POZZALLO (RG): BLOCCATO TRAFFICO DI PROSTITUTE, 4 FERMI

POZZALLO (RG): BLOCCATO TRAFFICO DI PROSTITUTE, 4 FERMI

Operazione della Polizia di Stato di Ragusa. Gli agenti hanno scoperto un'organizzazione che gestiva la tratta di giovani nigeriane. Gli aguzzini le minacciavano e le costringevano a prostituirsi e con l'inganno le reclutavano. I NOMI DEI FERMATI

 

 

POZZALLO (RG): BLOCCATO TRAFFICO DI PROSTITUTE, 4 FERMI –

Pozzallo. Blitz della polizia di Stato di Ragusa. Gli agenti nel corso dell’operazione hanno fermato quattro persone, tre donne e un uomo. Dalle indagini gli arrestati farebbero parte di tre gruppi che gestivano una tratta di giovani donne nigeriane fatte arrivare clandestinamente in Italia e poi avviate alla prostituzione. Sono accusati di tratta di giovani donne nigeriane per avviarle alla prostituzione e induzione e sfruttamento delle vittime alla prostituzione. Il provvedimento è stato emesso dal procuratore di Catania, Michelangelo Patanè e dal sostituto della Dda Assunta Musella e coordinato dalla polizia anche in Piemonte, Toscana, Emilia Romagna e Campania. Le minorenni sottratte alla tratta di esseri umani dalla polizia risultano essere molte. Una ragazza è stata liberata dal servizio centrale operativo, dalla squadra mobile di Ragusa e di Novara nel centro cittadino piemontese, doveva pagare 25 mila euro per essere libera.
Secondo quanto accertato nel corso delle indagini, le giovani donne tutte nigeriane, sono state sottoposte a rito voodoo e costrette a prostituirsi per pagare un finto debito di 30 mila euro. Una delle giovanissime vittime ha raccontato agli investigatori: “Mi avevano detto che una volta in Italia sarei andata a scuola e poi avrei fatto la baby sitter per mantenermi; appena ho messo piede sul barcone ho scoperto che mi sarei dovuta prostituire”. E ancora un’altra: “In Nigeria e in Libia mi hanno costretta ad avere rapporti sessuali, altrimenti non mi avrebbero fatta partire”. La finalità dei delinquenti era quella di comprare delle giovani donne nigeriane, spesso minorenni, per costringerle a prostituirsi.
In una nota della polizia si legge: “Si tratta di uno dei pochi casi di tratta di esseri umani contestati agli indagati, in quanto il reato è difficilissimo da provare per la mancanza di gravi indizi da raccogliere nei paesi stranieri, cosa che in questo caso è stata realizzata, tanto che i diversi gip competenti per territorio hanno convalidato i fermi disposti dalla Procura della repubblica distrettuale antimafia di Catania”.
IFERMATI SONO: ‘Faith’ Ejiro Ogheneintesa Ogagaoghene, di 24 anni, residente a Cameri (Novara); Ogaga Oghene Oju, di 32, residente a Prato, e Angela Oboh, di 28 anni, residente a Ferrara. La quarta persona fermata è ‘Eva’ Felicia Kelechi Izogie, di 27 anni, residente a Napoli. Lei è indagata per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina di giovani donne nigeriane e di induzione e sfruttamento della prostituzione delle stesse. Con questa operazione è stata disarticolata un’associazione a delinquere transnazionale che operava in Nigeria, Libia, Italia ed altri paesi europei.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook