OSPEDALI SICILIANI SENZA COPERTURA ASSICURATIVA

OSPEDALI SICILIANI SENZA COPERTURA ASSICURATIVA

L’associazione Codici denuncia che: "Gli ospedali siciliani sono privi di copertura assicurativa per la responsabilità civile, con il risultato che le vittime di malasanità sono costrette a subire oltre il danno arrecatogli dall’errore medico anche la beffa di non riuscire ad ottenere il risarcimento dovuto dalla struttura sanitaria"

Print Friendly, PDF & Email

 

 

OSPEDALI SICILIANI SENZA COPERTURA ASSICURATIVA –

Catania. Ospedali siciliani senza copertura assicurativa per la responsabilità civile, questa è la denuncia del segretario regionale dell’Associazione Nazionale dei Consumatori Codici – Centro per i Diritti del Cittadino che attraverso l’Osservatorio regionale sui diritti del malato, da tempo, controlla la qualità dei servizi ospedalieri siciliani e assiste le vittime di malasanità, costituendosi a fianco delle vittime come parte civile nei procedimenti di malpratica medica. Questo è il campanello d’allarme di una situazione che può mettere a rischio per le vittime di errore medico per l’ottenimento del risarcimento del danno da parte della struttura sanitaria. L’inghippo si è venuto a creare dopo che la Regione Siciliana aveva assicurato la centralizzazione della procedura attraverso una gara unica.
Per Manfredi Zammataro, segretario regionale dell’Associazione Nazionale dei Consumatori Codici: “Tutto questo è inaccettabile. Gli ospedali siciliani sono privi di copertura assicurativa per la responsabilità civile, con il risultato che le vittime di malasanità sono costrette a subire oltre il danno arrecatogli dall’errore medico anche la beffa di non riuscire ad ottenere il risarcimento dovuto dalla struttura sanitaria. Tutto questo è inaccettabile se si pensa che la responsabilità di questo stallo è della Regione Siciliana che ha impedito alle aziende sanitarie regionali di stipulare autonomamente polizze assicurative, affermando che avrebbe centralizzato la procedura mediante una gara unica, che però ad oggi non ci risulta esser stata mai attivata con la conseguenza che ci ritroviamo con gli ospedali privi di copertura sanitaria. Il territorio siciliano con gli ultimi casi verificatisi negli ospedali catanesi e palermitani, si presenta come una Regione dalle pesanti e gravi inefficienze nel servizio sanitario pubblico”
La Sicilia secondo la statistica fornita dalla Commissione parlamentare d’inchiesta sugli errori sanitari è la prima regione italiana per sospetti casi di malasanità. “Secondo i numeri forniti dalla commissione che ha raccolto i dati sulle morti avvenute in corsia per presunti errori dei medici o disorganizzazione del sistema, dal mese di aprile 2009 al mese di settembre 2012 – prosegue Zammataro – la commissione ha conteggiato, tramite denunce sui giornali o segnalazioni dirette, 117 casi di malasanità nell’Isola, di cui 87 con morte del paziente”.
In conclusione, Zammataro denuncia: “quanto accaduto è l’ennesimo risultato di una certa politica, che in nome di un finto risparmio ha chiuso gli ospedali nei piccoli centri, tagliato i servizi essenziali, rendendo di fatto sempre più complesso l’accesso alla sanità. Una politica sanitaria che ha perso di vista la centralità del paziente”

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook