Archiviato in | Spettacolo, Teatro

CATANIA: NUOVO SPETTACOLO AL TEATRO BRANCATI

CATANIA: NUOVO SPETTACOLO AL TEATRO BRANCATI

Sul palco del Teatro Brancati, "La fanciulla che campava di vento", da giovedì 12 Novembre alle ore 21, per la regia è di Giuseppe Romani. " La fanciulla che campava di vento", sottotitolata " Il Barone di Rafadali”, che si porge allo spettatore come una continuazione ideologica dell’opera di ricerca di Tony Cucchiara, iniziata quattro decadi or sono e che ha portato l’autore a creare opere che sono passate alla storia del teatro, quali “Pipino il breve”, “La baronessa di carini” e “Caino e Abele”, oltre naturalmente ad altri spettacoli squisitamente musicali.

 

CATANIA: NUOVO SPETTACOLO AL TEATRO BRANCATI –

Una favola, una delle commedie musicali più famose di Tony Cucchiara, La fanciulla che campava di vento, verrà portata sul palco del Teatro Brancati da oggi giovedì 12 Novembre alle ore 21, per la regia è di Giuseppe Romani. Sul palco, che godrà della partecipazione straordinaria di Pippo Pattavina – Camillo Mascolino, Emanuele Puglia, Santo Pennisi, Olivia Spigarelli, Marina Puglisi, Margherita Mignemi, Evelyn Famà, Riccardo Maria Tarci, Camillo Sanguedolce, Claudia Sangami, Laura Sfilio, Giovanni Strano, Giovanni Vasta e con: Dario Castro, Silvia De Nizza, Claudio Licciardi, Elena Mascolino, Oliver Petriglieri, Simonetta Piccione, Giorgia Torrisi. Coreografie di Silvana la_fanciulla_2Lo Giudice.
In principio fu ” La fanciulla che campava di vento”, sottotitolata ” Il Barone di Rafadali”, che si porge allo spettatore come una continuazione ideologica dell’opera di ricerca di Tony Cucchiara, iniziata quattro decadi or sono e che ha portato l’autore a creare opere che sono passate alla storia del teatro, quali “Pipino il breve”, “La baronessa di carini” e “Caino e Abele”, oltre naturalmente ad altri spettacoli squisitamente musicali.
La trama è tutta da assaporare, ma solo intellettualmente, perché di cibo e di ricchezze in questo viaggio che ci riporta nel 1400 non se ne vedono, ma si anelano. Anzi, la povertà la fa da padrona e il “padrone – barone” , protagnista della favola, tale Rafadali, è rinomatamente avaro. Il Barone passò alla storia, oltre che per la sua avarizia che lo caratterizzava all’inverosimile, anche per aver inventato una pietanza ricca di proteine, economica, di facile preparazione e digeribilità: il macco.
Ma il barone, pur nella sua accezzione negativa, assurge ugulamente alla sua dimensione di eroe, anche se negativo. Eroe perché prende su di sè l’ingombrante fardello della tircheria, sollevandone lo spettatore nel quotidiano. L’eroe che diventa il capro espiatorio.
Il resto è da vedere, sta allo spettatore gustare fino in fondo la trama che attanaglia il barone che finisce nei guai e che come in tutte le favole, ci lascia una morale. Ma per saperla, dovere andate a teatro.

Melania Mertoli

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook