Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MESSINA: SALTA IL BY-PASS, E’ EMERGENZA ACQUA

MESSINA: SALTA IL BY-PASS, E’ EMERGENZA ACQUA

Salta il by-pass attivato da qualche giorno, la città resta senz’acqua. Nuovamente tutti in fila davanti le cisterne. E' un dramma per la città. Il Governo dichiara stato di emergenza, il sottosegretario De Vincenti dichiara: "un primo stanziamento e a disposizione l'esercito".

 

MESSINA: SALTA IL BY-PASS, E’ EMERGENZA ACQUA –

Messina. La città è in emergenza. La vicenda si è aggravata per la rottura del by-pass che collegava l’acquedotto dell’Alcantara, all’altezza di Forza D’Agrò (Me), con quello di Fiumefreddo, che in questi giorni riforniva con 300 litri al secondo il capoluogo peloritano. Il consiglio dei ministri ha annunciato lo stato di emergenza per Messina. il capo del Genio Civile, Leonardo Santoro lo ha comunicato mentre si sta recando sul posto per verificare il guasto. Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Claudio De Vincenti ha detto in merito alla situazione che attanaglia Messina: “accompagniamo lo stato d’emergenza con un primo stanziamento per i lavori necessari, e mettiamo a disposizione anche l’Esercito e mezzi militari”. L’acqua non è arrivata in particolare nei rioni della parte alta della città. In queste zone, dove sono comprese scuole e ospedali, è stato predisposto un servizio di erogazione con autobotti che però non basta. Il prezioso liquido proveniente dal il by-pass della condotta dell’Alcantara, non basta a soddisfare tutta la città nonostante eroghi 300 litri al secondo, oltre ai 200 della condotta della Santissima e circa altri 80 provenienti da alcuni pozzi vicini.
Si registra inoltre che i lavori per la messa in sicurezza della collina di Calatabiano, dove si sono verificati gli smottamenti che hanno causato le rotture alla condotta idrica, non sono ancora iniziati. La stima per la conclusione dell’opera è stata quantificata in 20 giorni che potrebbero prolungarsi, ma dal genio civile di Messina fanno sapere che esiste una ipotesi di tamponamento. Infatti si pensa di realizzare un altro bypass di 1 Km nella condotta di Fiumefreddo per aggirare la frana e aumentare il volume dell’acqua. Il capo dell’ufficio, Leonardo Santoro, dopo un sopralluogo effettuato con tecnici dell’Amam, della Protezione civile e dell’esercito spiega che “il lavoro verrà realizzato grazie a una ditta di Brescia che utilizza un materiale tedesco di ultima generazione, che è flessibile. Con questo collegamento, che comunque sarà esteso perché si deve aggirare la collina, si riuscirà a risparmiare sui tempi”. Al porto di Messina è arrivata una nave cisterna della Marnavi, per cercare di fare fronte all’emergenza che ha una capacità 5.450 metri cubi d’acqua che saranno immessi direttamente nella rete cittadina. L’approvvigionamento è stato già riprogrammato per altri tre giorni almeno, il 7 il 10 e il 13 novembre.
Già In città operano anche 5 autobotti da ottomila litri ciascuno dell’esercito, il cui intervento è stato richiesto dalla prefettura. I militari hanno distribuito acqua nei rioni a secco e hanno eseguito interventi in due scuole, e anche all’istituto antoniano di Cristo Re, che si occupa della distribuzione dei pasti per i poveri, in quest’ultimo caso per consentire il funzionamento della mensa e del servizio docce. La segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, sulla crisi idrica a Messina è intervenuta dicendo: “È inconcepibile che nel nostro Paese per l’incuria in cui si tiene il territorio, per la mancanza di investimenti ma anche di senso di responsabilità, siano sempre i cittadini a pagare”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook