Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: DON CHIARENZA, PRESCRITTE LE ACCUSE DI PEDOFILIA

CATANIA: DON CHIARENZA, PRESCRITTE  LE ACCUSE DI PEDOFILIA

La prescrizione salva il sacerdote dall’accusa di pedofilia. La procura di Catania chiede l'archiviazione del reato. L'ex parroco era indagato per aver abusato sessualmente di un parrocchiano.

 

CATANIA: DON CHIARENZA, PRESCRITTE LE ACCUSE DI PEDOFILIA –

Catania. Don Chiarenza era stato denunciato da un un catanese di 38 anni, che lavora negli Stati Uniti, il quale aveva uscito fuori una registrazione audio carpita di nascosto tra lui e il sacerdote. La procura di Catania ha chiesto al gip l’archiviazione per prescrizione del reato dell’inchiesta su don Carlo Chiarenza, l’ex parroco di San Paolo ad Acireale, accusato di aver abusato sessualmente di un parrocchiano quando la vittima aveva 14-15 anni tra il 1989 e il 1990. La Congregazione per la Dottrina della Fede del Vaticano, per lo stesso reato aveva condannato nell’agosto del 2013 in primo grado il sacerdote “a dimorare per alcuni anni fuori dalla Diocesi non assumendo incarichi ecclesiali e non svolgendo il ministero in pubblico”. La procura nella richiesta di archiviazione evidenzia che l’inchiesta è “evidentemente pregiudicata dall’effetto dell’istituto della prescrizione”, i magistrati evidenziano altresì che: “giova comunque rilevare che le dichiarazioni rese dalle persone offese sono risultate dettagliate e coerenti, circostanziate (e perciò stesso incompatibili con l’invenzione dei fatti narrati)”. Sempre i magistrati scrivono che: “Il decorso del termine di prescrizione non consente di indugiare oltre al riguardo, seppure non possa rimarcarsi la mancata emersione di elementi atti a comprovare la falsità delle accuse”., l’avvocato Giampiero Torrisi, legale della vittima, ha reso nota la decisione della procura, annunciando che “non proporrà alcuna opposizione alla richiesta di archiviazione”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook