Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MESSINA: TORNA A MANCARE L’ACQUA

MESSINA: TORNA A MANCARE L’ACQUA

La condotta sarà riparata in 20 giorni. Residenti in fila davanti alle autobotti. L'Amam, azienda Meridionale acque di Messina, dopo il nuovo guasto di ieri causato dalla una frana a Calatabiano ha attivato un bypass tra la rete di Fiumefreddo e quella Alcantara, aumentando la portata fino a cinquecento litri al secondo. Il bypass è stato attivato ma la copertura resta parziale. L'Amam: "Nessuno ci ha ascoltato, la collina andava messa in sicurezza". Crocetta rincara: "Lavori fatti con i piedi". Due milioni di euro per le opere necessarie

Print Friendly, PDF & Email

 

MESSINA: TORNA A MANCARE L’ACQUA –

Messina. Non si è risolta la questione dell’acqua a Messina ancora è ancora emergenza idrica . Ormai i disagi durano da circa 9 giorni e chi credeva di aver risolto i disagi si è dovuto ricredere. Ad oggi è tutto da rifare. Proprio lunedì scorso il direttore dell’Amam, l’azienda che gestisce il servizio, Luigi La Rosa aveva affermato che tutto era risolto. Per ora continueranno ad avere l’acqua solo le abitazioni che si riforniscono dall’acquedotto della Santissima, così come era nella fase della prima emergenza idrica. Quindi rubinetti ancora secco dopo la seconda frana, avvenuta nella condotta che da Fiumefreddo va a Calatabiano poi convogliata a Messina. Intanto nel corso della mattina diverse persone sono in fila davanti alle autobotti. Gli operai dell’Amam hanno attivato un bypass idrico tra la condotta di Fiumefreddo e quella Alcantara, aumentando la portata fino a cinquecento litri al secondo. Tale operazione consentirà di soddisfare quasi la metà del fabbisogno giornaliero della città. Malgrado il nuovo intervento, persistono problemi di approvvigionamento nelle parti alte della città, e per questo è stato potenziato il numero delle autobotti e si provvederà ad un ulteriore incremento delle risorse idriche tramite una nave cisterna della capacità di cinquemila tonnellate con immissione diretta nella rete cittadina ogni due giorni.
Secondo il capo della protezione civile nazionale Fabrizio Curcio: “Con Il by pass una quota parte di edifici rimarrà fuori da questa distribuzione per un motivo altimetrico di pressione, si interverrà potenziando con autobotti e navi cisterna”, dice al termine in serata del tavolo tecnico in Prefettura. Gli operai intanto metteranno in sicurezza il territorio franato e ripareranno la conduttura ma i lavori potrebbero durare giorni. Sempre Curcio dice: “Si deve stabilizzare un versante, ci sono dei tempi tecnici di circa 15-20 giorni. Ma non è certo perché quando di lavora su una frana ci sono degli studi e delle verifiche da fare”, per l’intervento ci vorrà circa un milione di euro e complessivamente almeno un altro milione per il resto dei lavori di prima emergenza che dovrebbe arrivare anche dalla Protezione civile nazionale e regionale.
Il presidente dell’Amam Leonardo Termini ribatte alle critiche: “Non è colpa nostra se è franata la collina. Ognuno si deve prendere le proprie responsabilità noi abbiamo sempre operato bene, ma in questa parte del territorio c’è un grave dissesto del territorio”. In conclusione aggiunge: “L’avevamo detto che dopo la riparazione della condotta si sarebbe dovuta mettere in sicurezza la collina, ma nessuno ci ha ascoltato. Abbiamo riparato il primo guasto in tempi record non potevano fare di più”.
Intanto il sindaco, Renato Accorinti, ha diramato un avviso per informare la cittadinanza che, vi sarà una distribuzione razionata delle risorse idriche. Arrabbiato il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta arrivato a Messina nel giorno dell’annuncio del suo nuovo governo per partecipare alla riunione con il prefetto Stefano Trotta, Curcio e i tecnici dell’Amam: “da più giorni seguo la questione dell’emergenza acqua a Messina, e c’è qualcosa che non funziona se il lavoro è stato fatto ma è crollato dopo due giorni”, e poi chiosa: “I lavori bisogna eseguirli bene, ripristinare la linea con interventi fatti con la testa e non con i piedi”. Arrivano voci che l’Associazione nazionale Consumatori Associati ha avviato le azioni legali per ottenere il risarcimento del danno annunciando una class action sull’emergenza acqua a Messina.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook