Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MALTEMPO SICILIA: BOMBA D’ACQUA, CATANIA ALLAGATA

La forte pioggia ha raggiunto Catania, via Forcile allagata e di conseguenza la Fiera dei Morti subisce un nuovo allagamento. Sulla circonvallazione il forte vento e la pioggia copiosa hanno causato lo sradicamento di numerosi alberi. ad Acireale, il forte vento stacca un semaforo. Se volete potete inviare foto e segnalazioni a redazione@informasicilia.it. Articolo in aggiornamento.

Print Friendly, PDF & Email

 

MALTEMPO SICILIA: ARRIVA LA BOMBA D’ACQUA, CATANIA ALLAGATA –

Maltempo Sicilia. La tempesta è arrivata. Nonostante le polemiche il forte vento e la pioggia battente hanno investito Catania. L’allerta temporali che aveva dato tregua per tutto il giorno si è manifestata su Catania con violenza e furore . La zona dove è stata allocata la fiera dei morti in via Forcile è stata invasa dall’acqua. Segnalati numerosi allagamenti in tutta la città e in provincia. Alberi divelti dal forte vento sulla circonvallazione e nei pressi del Corso Umberto. Ad Acireale la tempesta ha staccato un semaforo.
In Viale Artale Alagona mentre un ristorante era gremito di gente è stato evacuato urgentemente perché un mini ciclone ha frantumato la vetrata vista mare. Sul luogo dell’incidente sono intervenuti i vigili del fuoco, la polizia stradale ed una camionetta dell’esercito. Mentre una cinquantina di persone erano in procinto di cenare, il locale è stato investito da una bomba d’acqua e forte vento mandando in frantumi una vetrata che si è letteralmente sgretolata. Il forte vento e le onde del mare hanno messo a rischio l’incolumità dei presenti tanto che è stata sospesa l’attività di ristorazione.
Numerosissimi gli interventi dei vigili del fuoco. Tantissime le richieste di aiuto e telefonate che hanno intasato il centralino. In Piazza dei Martiri una palma è caduta su un’auto schiacciandola. Sulla circonvallazione il forte vento ha staccato diversi cartelloni pubblicitari e troncato molti rami dagli alberi isseminandoli sull’asfalto.


Sulla pagina Facebook della Protezione civile regionale non risultano aggiornamenti sull’allerta meteo di Catania e Messina. Invece è stata individuata una chat privata di WhatsApp auto-organizzata da dipendenti della Protezione civile che fornisce informazioni dettagliate sulle zone in pericolo e sui tempi dell’allerta meteo. La chat pare risulterebbe preziosa per motivi di ordine pubblico e sicurezza dei cittadini che nonostante gli aggiornamenti frequenti pare sia stata boicottata dai vertici della Protezione civile.
Intanto per domani, 1 novembre, la Protezione civile regionale ha emanato un bollettino di allerta meteo, con codice rosso di rischio idrogeologico e tra rosso (zona nord) e arancione (zona sud) di rischio idraulico. Secondo il Centro funzionale multirischio regionale si prevedono fenomeni temporaleschi che potrebbero essere accompagnati da rovesci di forte intensità, fulmini, forte vento e mare localmente mosso. Altre fonti, così come avvenuto ieri, indicano invece un rischio più attenuato e condizioni meteo volte al peggioramento nel pomeriggio.
L’Amministrazione comunale di Catania raccomanda alla popolazione la necessaria prudenza. Per ogni segnalazione si potrà chiamare il numero 095/484000, che corrisponde al Centro segnalazione emergenze della Protezione civile comunale, attivo 24 ore su 24, oppure ai numeri 095/7101148-49-50-55. Si potranno inviare anche e mail a protezionecivile@comune.catania.it.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook