Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MESSINA: IL SINDACO ANNUNCIA L’EROGAZIONE DELL’ACQUA ENTRO DOMANI

MESSINA: IL SINDACO ANNUNCIA L’EROGAZIONE DELL’ACQUA ENTRO DOMANI

Il sindaco Accorinti qualche giorno fa aveva chiesto lo stato di calamità, ora annuncia che il ripristino della rete idrica avverrà “forse da oggi”. Intanto i tecnici e operai hanno lavorato per tutta la notte. Fiorello interviene sui social network, mentre si registrano lunghe code alle autobotti. Segnalati problemi per i numerosi disabili e anziani. Si registra già il mercato nero dell'acqua.

Print Friendly, PDF & Email

 

MESSINA: IL SINDACO ANNUNCIA L’EROGAZIONE DELL’ACQUA ENTRO DOMANI  –

Messina. Il sindaco di Messina, Renato Accorinti ha comunicato: “Ritengo che tra oggi e domani, l’acqua dovrebbe arrivare nelle case. Anche il bypass che stiamo realizzando tra l’acquedotto dell’Alcantara e quello di Fiumefreddo dovrebbe essere pronto in giornata. È stata un’emergenza incredibile e non vogliamo che accada più per questo chiederemo comunque lo stato di calamità affinché arrivino i fondi per mettere in sicurezza la condotta in ogni punto. Ora andrò all’ Anci nazionale a Torino e da li chiederò con forza un aiuto per la città di Messina”. Quindi dopo l’importante comunicazione del primo cittadino, già da stamane potrebbe riprendere l’erogazione dell’acqua. I tecnici Amam hanno lavorato incessantemente per tutta la notte sulla condotta di Fiumefreddo e il guasto dovrebbe essere riparato. Ormai da quasi una settimana la città è senz’acqua. La rete idrica è chiusa per un guasto che si è verificato a 40 chilometri dalla città. I disagi sono notevoli, la città è al collasso. Lunghe file per fare rifornimento del prezioso liquido. Messina è in emergenza, e rischia di restarci per altri giorni considerata l’allerta meteo che minaccia la zona dove sono in corso i lavori. Intanto, l’acqua è distribuita o immessa direttamente nella rete con autobotti che fanno la spola. L’emergenza per i cittadini come assistenza e salute, cresce. Esercizi commerciali in crisi. Gli uffici pubblici e le scuole sono chiusi, mentre i residenti persa la pazienza protestano davanti la prefettura. Il guasto è stato procurato durante le forti piogge che hanno flagellato, la scorsa settimana il paese di Calatabiano, causando uno smottamento che ha travolto la condotta idrica regionale travolta da acqua e fango.
Rosario Fiorello il famoso show man punta l’attenzione sulla città: “Messina è senza acqua! Inaccettabile nel 2015! Si faccia qualcosa subito! Comune, Provincia, Regione, Governo”, scrive su twitter lo showman siciliano, e i fari si accedono. L’indignazione infuoca i social network. Dai vip alle persone comuni tutti denunciano lo scandalo ‘silenziosò di #Messinasenzacqua. Da Fiorella Mannoia a Alessandro Gassmann, da Rita Dalla Chiesa alla casa editrice Sellerio si parla di ‘vergogna infinita’ di una situazione da tempo di guerra. Dalla Cina lancia il grido d’aiuto per la ‘suà Messina anche Maria Grazia Cucinotta: da un mese sul set a Qingdao per un nuovo film, chiede ai Governi centrale e regionale di “non abbandonare” la città: “È un’inferno – scrive su Facebook – a volte mi lamento della Cina… ma qui in due giorni ricostruiscono una città”.
Anche la Prefettura di Messina è in moto e annuncia in una nota che è stata costituita una unità di crisi preposta alla gestione dell’emergenza idrica e per fornire un adeguato supporto all’amministrazione comunale affinché possa efficientemente organizzare le proprie strutture per la gestione di tale emergenza. L’unità di crisi è attiva dalle 8 alle 20 fino alla cessazione dell’emergenza. Il gruppo di lavoro in questione si raccorderà con l’ufficio di Gabinetto del Comune, con la Protezione Civile regionale -Servizio di Messina, con l’Autoparco municipale a cui è stata affidata la responsabilità della distribuzione dell’acqua a mezzo autobotti ed infine con l’Amam, l’azienda idrica, per seguire l’evoluzione dei lavori di consolidamento della frana che ha interessato la condotta di Fiumefreddo. L’esercito, con proprie autobotti, ha fornito già 8mila litri di acqua per i cittadini e la rete idrica di Messina. Segnalati pesanti disagi e problemi soprattutto per disabili e anziani; si registra già il mercato nero dell’acqua con privati che speculano sull’emergenza.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook