Archiviato in | Politica, Politica Regionale

REGIONE SICILIANA: A LAVORO PER LA NUOVA GIUNTA

REGIONE SICILIANA: A LAVORO PER LA NUOVA GIUNTA

Il vertice romano di oggi, definito importantissimo dal presidente Crocetta, stabilirà il suo quarto governo in soli tre anni. Intanto, pare vi siano dissidi interni al Pd sulla riconferma di Baccei, mentre l’enne cd ribadisce la sua opposizione in maniera netta. Bosco e Minardo definiscono incerto il destino della nuova giunta.

Print Friendly, PDF & Email

 

REGIONE SICILIANA: A LAVORO PER LA NUOVA GIUNTA –

Regione Siciliana. A lavoro per definire il governo Crocetta quater. Il presidente della Regione ha ancora difficoltà a designare la nuova formazione assessoriale per i dissidi interni al Pd: i renziani che temporeggiano, mentre l’enne cd punta i piedi. Quindi si attende l’esito dell’incontro che oggi il presidente della Regione avrà a Roma con i sottosegretari De Vincenti e Bressa. Il faccia a faccia, per stabilire quali impegni sulle riforme il presidente porterà al tavolo romano per strappare l’eventuale accordo sul ripianamento del disavanzo da 1,9 miliardi che grava sul bilancio 2016: pare ancora tutto ancora da decidere. All’interno del pd bisogna stabilire la videnda della rappresentanza in giunta, che i renziani indicano come fondamentale la riconferma di Alessandro Baccei, il tecnico con delega all’Economia, segnalato un anno fa dal ministro Delrio, e non voluto da una parte della maggioranza. Sitauazione non felice per il presidente Crocetta che preme per formare il nuovo governo prima di partire per la capitale.
Crocetta ha lanciato l’ultimo appello alla maggioranza che dovrebbe sostenere la nuova giunta: “Potevo scegliere tra un governo del presidente o un governo politico, ho scelto quello politico e lo proporrò fino alla fine. Ma non c’è più tempo, basta col giochetto delle percentuali. La Sicilia ha bisogno di coesione, unità, azioni forti che accelerino il processo di cambiamento, di vere riforme, di pace e di tranquillità. Basta con gli scontri continui per le ambizioni personali di ognuno di noi”. Mentre evidenzia che: “negli ultimi tre anni abbiamo dato vita a tre governi ma ogni volta la squadra non andava bene a qualcuno: il primo governo, quello del presidente, perché i partiti non avevano un ruolo; il secondo perché parte del Pd era rimasto fuori e devo dire che non andava bene neppure a me; il terzo, quello attuale, composto da tecnici, espressione dei vari partiti, poi allargato all’ex capogruppo del Pd in Assemblea infrangendo il tabù della partecipazione dei parlamentari al governo”. Sempre Crocetta lancia un monito: “Ora tutti quanti chiedono di collegare il governo al mandato elettorale dei deputati e coerentemente a questi inviti ho informato i partiti della coalizione dell’azzeramento dell’attuale giunta e ritengo che la formazione del nuovo governo non può essere più ritardata”. Il presidente della Regione, sul vertice di oggi a Roma, interviene ancora dicendo: “L’incontro col governo nazionale non è l’ora “X” della soluzione di tutto, né la verifica dei rapporti politici; legare dunque l’esito del vertice con la formazione della nuova giunta regionale è chiaramente strumentale”.
Sono ore frenetiche anche tra i componenti dell’enne cd. La compagine di Alfano, in questo momento è divisa, con alcuni dirigenti contrari all’indicazione di un “tecnico” nella nuova giunta una volta raggiunta l’intesa con Pd e Udc sulle riforme. Mentre i responsabili di Forza Italia sulla vicenda intervengono con un giudizio netto e inequivocabile: “Crocetta e il Pd danno vita, senza alcuna vergogna, alla grande ammucchiata di incapaci, transfughi e faccendieri che finalmente coronano il loro sogno di gestire potere, garantirsi posizioni, occupare poltrone e acquisire ulteriori strapuntini”. I deputati Ncd, Nino Bosco e Nino Minardo intervengono sulla vicenda: “Crocetta è come il Titanic, destinato ad affondare per la sua inconsistenza, Ncd non deve e non può prestarsi a fare da scialuppa di salvataggio”. Mentre, Dore Misuraca, responsabile nazionale degli Enti locali Ncd, cerca di ammorbidire la posizione del partito: “Il nostro sarà, esclusivamente, un appoggio esterno alle riforme. Non entriamo a far parte del nuovo governo crocetta”

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook