Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

ANAS E APPALTI: IN MANETTE I RESPONSABILI TECNIS

ANAS E APPALTI: IN MANETTE I RESPONSABILI TECNIS

Operazione della guardia di finanza Romana: inizia la bufera sull'impresa leader dei lavori pubblici in Sicilia. la Tecnis colosso imprenditoriale catanese leader nel Sud Italia. L’impresa negli ultimi anni si è aggiudicata alcuni appalti come l'anello ferroviario di Palermo e la metropolitana etnea. Mimmo Costanzo e Concetto Bosco Lo Giudice vertici della Tecnis, si trovano già ai domiciliari

Print Friendly, PDF & Email

 

ANAS E APPALTI: IN MANETTE I RESPONSABILI TECNIS –

Anas e appalti. Bufera ai vertici della società catanese Tecnis, importante azienda imprenditoriale del Sud Italia. Durante una maxi operazione della guardia di finanza di Roma, Francesco Domenico Costanzo (detto Mimmo) e Concetto Bosco Lo Giudice, alla guida della Tecnis, sono stati arrestati con l’accusa di corruzione negli appalti dell’Anas. Vicenda che travolge l’impresa e i principali rappresentanti dell’isola, vincitori di numerosi appalti pubblici che aggiudicandosi commesse per quasi 800milioni di euro l’anno. Tra i principali lavori sono: la metropolitana catanese 100milioni di euro, l’anello ferroviario e del collettore fognario di Palermo, il porto di Catania, quello di Ragusa, l’ospedale S.Marco 140milioni, l’interporto di Catania e ancora la Salerno Reggio Calabria, il ponte sul fiume Adda e centinaia di commesse che hanno contribuito a far definire l’azienda Tecnis prima impresa del Sud Italia. Francesco Domenico Costanzo e Concetto Bosco Lo Giudice, arrestati e posti ai domiciliari, sono noti per aver denunciato estorsori e siglato protocolli di legalità in ogni appalto.
Gli investigatori ipotizzano un sistema di gestione degli appalti fatto di corruzione e voto di scambio. Destinatari delle ordinanze di custodia sono: Oreste De Grossi, Sergio Lagrotteria, Antonella Accroianò, Giovanni Parlato, Antonino Ferrante, Eugenio Battaglia, Concetto Bosco Logiudice, Francesco Costanzo, Giuliano Vidoni e l’ex sottosegretario Luigi Meduri. I reati contestati sono: associazione per delinquere alla corruzione, induzione indebita a dare o promettere e utilità al voto di scambio. Il procuratore capo di Roma, Giuseppe Pignatone, ha spiegato che esisteva un vero e proprio ufficio mazzette che si occupava delle riscossioni. Il cuore del sistema era all’interno dell’Anas, dove la gestione degli appalti e l’affidamento dei lotti di ogni singola gara era ben oleata da tangenti e favori. Un sistema che coinvolgerebbe i due imprenditori siciliani.
L’ex sottosegretario alle Infrastrutture del governo Prodi Luigi Meduri, coinvolto nell’inchiesta, avrebbe fatto da intermediario tra Antonella Accroglianò, dirigente Anas arrestata e i due imprenditori Lo Giudice e Costanzo, che avrebbero ritardato il pagamento di una tangente. La mazzetta sarebbe relativa alla vicenda che ruota attorno all’appalto da 145 milioni per la realizzazione della cosiddetta Variante di Morbegno, in Lombardia. L’appalto, infatti, era stato vinto dai due imprenditori catanesi che, attraverso Meduri, avrebbero chiesto all’Anas, e quindi alla Accroglianò, l’autorizzazione alla cessione di un ramo d’azienda. In realtà, trapela dagli investigatori, si trattasse di una vera e propria cessione del contratto d’appalto, pratica considerata dalle norme, illecita. Per queste “azioni” gli investigatori hanno documentato almeno sei passaggi di denaro. Intanto continua il lavoro degli investigatori per accertare ulteriori eventuali responsabilità.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook