CATANIA: LAVORATORI ACCIERIE DI SICILIA ALLO STREMO

CATANIA: LAVORATORI ACCIERIE DI SICILIA ALLO STREMO

Sono circa quattrocento i posti di lavoro a rischio considerando l’indotto che ruota intorno alle acciaierie. Intanto, l’assenza del governo regionale è evidente ritardando gli interventi che rischiano di penalizzare fortemente la seconda acciaieria del Mezzogiorno d’Italia.

 

CATANIA: LAVORATORI ACCIERIE DI SICILIA ALLO STREMO –

Catania. Sono circa quattrocento i posti di lavoro a rischio che Acciaierie di Sicilia rischia di perdere. I lavoratori sono in agitazione di concerto con le sigle sindacali di pertinenza lamentano il ritardo del governo regionale a intervenire fattivamente nella questione e questo comportamento rischia di mettere in ginocchio la seconda acciaieria del Mezzogiorno d’Italia. Una delle criticità della situazione riguarda i costi dell’energia, un capitolo di spesa più che esoso per le aziende siciliane che, a causa del costo del trasporto su rete, pagano circa il doppio di quelle settentrionali. Sindacati e lavoratori chiedono al governo regionale di intervenire subito. Il protocollo deliberato dalla Regione, richiesto e fortemente voluto da azienda e rappresentanti dei lavoratori è stato deliberato ben otto mesi fa. Ma oggi i sindacati chiedono il rispetto del documento e che sia attuato in breve termine. Di questa vicenda si doveva discutere lo scorso 25 settembre in Prefettura. L’incontro, invece, ha registrato non ha prodotto i risultati dovuti per mancanza d’incisività dei rappresentanti regionali: una vicenda che i sindacati, Fim Fiom e Uilm imputano ai delegati regionali come un caso di disinteresse. Intanto le Acciaierie di Sicilia soffrono non poco di una mancanza di regolamenti “… della filiera del rottame in Sicilia che assicuri, a prezzi di mercato, regolari approvvigionamenti allo stabilimento di Catania”. Lo scopo della manifestazione, per chiedere un intervento tempestivo su una situazione ormai insostenibile. Il corteo itinerante si è spostato da via Etnea e ha raggiunto Palazzo Esa e poi sit-in in Prefettura, dove le parti sociali hanno ribadito assieme ai sindacati le loro proposte: “… affinchè le Acciaierie di Sicilia possano sopravvivere e diventare polo di esportazione del gruppo Alfa Acciai nel bacino del Mediterraneo con prospettive di espansione nel mercato e di crescita dell’occupazione”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook