Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MALTEMPO SICILIA: CODICE ROSSO, DOMANI SCUOLE CHIUSE

MALTEMPO SICILIA: CODICE ROSSO, DOMANI SCUOLE CHIUSE

Rischio bomba d’acqua: la Protezione civile dichiara Allerta rossa. l'Amministrazione comunale di Catania ha decretato la sospensione a scopo precauzionale dell'attività didattica negli istituti e negli asili del territorio. Stesso provvedimento in molti comuni della provincia etnea: Aci Castello, Aci Sant'Antonio, Camporotondo Etneo, Giarre, Gravina di Catania, Mascalucia, Misterbianco, Paternò, San Gregorio, San Giovanni La Punta, Santa Maria di Licodia e Tremestieri Etneo

Print Friendly, PDF & Email

 

MALTEMPO SICILIA: CODICE ROSSO, DOMANI SCUOLE CHIUSE –

Maltempo Sicilia. Domani, 15 ottobre, allerta meteo, con codice rosso, diffuso dalla Protezione civile regionale. Sospesa a scopo precauzionale l’attività didattica nelle scuole del territorio catanese. Attività sospesa anche negli asili nido. La comunicazione è stata presa dall’amministrazione comunale dopo una consultazione con gli esperti. Quindi, i bambini degli asili, gli alunni degli istituti dovranno rimanere a casa. Dalla mezzanotte di oggi si prevedono per 24-36 ore piogge di forte intensità e temporali con fulmini, forte vento, mare molto mosso e una sensibile diminuzione delle temperature massime. Il sindaco Bianco parla di eccesso di allarmismo. In una nota il sindaco di Catania scrive: “La sospensione dell’attività didattica disposta dall’Amministrazione comunale ha uno scopo precauzionale. In presenza di un allerta meteo con codice rosso come quello diffuso dalla Protezione civile regionale, infatti, la decisione è obbligata anche se vi sono altre previsioni metereologiche discordanti. Il sindaco di Catania Enzo Bianco, presidente del consiglio nazionale dell’Anci, ha già chiesto una conferenza straordinaria Stato-Città per contrastare il fenomeno dell’eccesso di allarmi maltempo, a volte in contraddizione tra loro, che creano sconcerto nei sindaci i quali devono prendere decisioni riguardanti la cittadinanza come per esempio la sospensione dell’attività didattica”. I cittadini catanesi sono dunque invitati alla massima prudenza, a uscire di casa il meno possibile, a non sostare nei piani al di sotto della sede stradale e a utilizzare solo in caso di estrema necessità i mezzi privati e di conseguenza a preferire quelli pubblici.
Anche il sindaco di Acireale, Roberto Barbagallo avendo valutato l’ultimo bollettino meteorologico trasmesso dal Dipartimento regionale di Protezione Civile, ha disposto a titolo precauzionale a tutela della pubblica e privata incolumità la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado in tutto il territorio comunale e l’attivazione del presidio operativo permanente di Protezione Civile per la verifica delle criticità. Il primo cittadino, inoltre, raccomanda di limitare al minimo indispensabile gli spostamenti e cautela nel transito e nello stazionamento in piazza Agostino Pennisi, via delle Terme, via Agrumicoltura, via San Girolamo, via Provinciale per Risposto, via Provinciale per Santa Maria Ammalati, viale Cristoforo Colombo, via Caronia e nella frazione di Aci Platani. Si ricorda soprattutto di evitare di stazionare e transitare nelle aree prossime ai torrenti. Polizia Municipale, Protezione Civile, e squadre di volontari, come previsto dal Piano di Protezione Civile comunale, presidieranno i punti sensibili del territorio. Qualunque ulteriore disposizione ritenuta necessaria in relazione all’evoluzione delle condizioni meteo verrà prontamente comunicata.
Per ogni segnalazione si potrà chiamare il numero 095/484000, che corrisponde al Centro segnalazione emergenze della Protezione civile comunale, attivo 24 ore su 24, oppure ai numeri 095/7101148-49-50-55. Si potranno inviare anche email all’indirizzo protezionecivile@comune.catania.it. Chiuse molte scuole della provincia. Di seguito sono menzionate alcune amministrazioni comunali che hanno comunicato attraverso i loro canali ufficiali lo stato di allerta e la conseguente chiusura delle scuole: Aci Castello, Aci Sant’Antonio, Camporotondo Etneo, Giarre, Gravina di Catania, Mascalucia, Misterbianco, Paternò, San Gregorio, San Giovanni La Punta, Santa Maria di Licodia e Tremestieri Etneo. Tutte le informazioni sui siti web dei singoli Comuni.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook