CATANIA: CRISI STM, IL SINDACO “L’AZIENDA È UN PATRIMONIO DI TUTTI”

CATANIA: CRISI STM, IL SINDACO “L’AZIENDA È UN PATRIMONIO DI TUTTI”

Il primo cittadino in merito al ricorso in cassa integrazione per 2.000 dipendenti della ST Microelectronics interviene in maniera netta e decisa: "Nessun depotenziamento, chiederò al governo di mantenere l'investimento di 270 milioni. L’industria di Catania non si tocca"

Print Friendly, PDF & Email

 

CATANIA: CRISI STM, IL SINDACO “L’AZIENDA È UN PATRIMONIO DI TUTTI” –

Catania. Il sindaco di Catania Enzo Bianco dopo aver sentito il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri Claudio De Vincenti rassicura i lavoratori della STM di Catania: “lo stabilimento di Catania della ST Microelectronics non si tocca”. La Multinazionale, qualche giorno fa aveva annunciato il ricorso alla Cassa integrazione per 2.000 dipendenti per un periodo di tre mesi nell’industria della multinazionale che si trova nel capoluogo etneo. Nel suo intervento il primo cittadino ha evidenziato: “Il depotenziamento non va nemmeno preso in considerazione. Chiederò che siano mantenuti gli annunciati investimenti per 270 milioni di euro indispensabili perché si possa passare alla produzione delle fette di silicio da otto pollici. Non c’è alcuna ragione per non investire nello stabilimento che continua a essere e sarà un punto di riferimento essenziale per lo sviluppo del nostro territorio. Per raggiungere quest’obiettivo la città deve essere più che mai unita e ferma perché quest’industria rappresenta un patrimonio di tutti”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook