Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

GIARRE (CT): POLEMICA PER UN BATTESIMO IN STILE “CASAMONICA”

GIARRE (CT): POLEMICA PER UN BATTESIMO IN STILE “CASAMONICA”

Polemica in merito al manifesto 6x3 affisso a Catania e in provincia che pubblicizzava il battesimo di un bimbo. Nel manifesto campeggiava: "Questa creatura è...cosa nostra". Sono in corso indagini di Polizia e Carabinieri. Il legale del padre ha evidenziato: "Lo stesso sta provvedendo a coprire i manifesti e gli preme sottolineare che il tutto non voleva essere una mancanza di rispetto o provocazione nei confronti della Chiesa o delle Istituzioni". Intanto la questura ha ordinato la rimozione dei cartelloni raffiguranti il figlio di un pregiudicato vicino al clan Laudani, con la coppola in testa.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

GIARRE (CT): POLEMICA PER UN BATTESIMO IN STILE “CASAMONICA” –

Giarre. Dopo il polverone del funerale-show inscenato nel cuore di Roma in onore del boss Vittorio Casamonica, a Catania è polemica per il battesimo di un pregiudicato, ritenuto vicino al clan Laudani e in passato indagato per associazione mafiosa. si legge sui manifesti 6×3: “Questa creatura meravigliosa è… cosa nostra”, in cui si nota in risalto l’immagine del piccolo con la coppola in testa. La questura ha ordinato la rimozione dei cartelli. Nel cartellone, il battesimo del piccolo viene mostrato come un vero e proprio evento, con tanto di diretta radio, e la partecipazione di molti vip e personaggi famosi del mondo televisivo a cominciare da Andrea Azzurra di “The Voice”, ad Angela di “Uomini e Donne”, a Claudio Tropea di “Io Canto” e una serie di cantanti neomelodici, Dany Diamante, Gianni Narcy, e il cantastorie siciliano Luigi Di Pino. Il questore di Catania Marcello Cardona, oltre ad aver ordinato la rimozione dei cartelli affissi abusivamente, ha assicurato che vigilerà sulla cerimonia fissata per domenica.
L’indignazione è iniziata sul web tramite Matteo Iannitti, del movimento Catania Bene Comune, che ha pubblicato la foto della gigantografia del piccolo con indosso la coppola sulla sua pagina Facebook con il commento in cui si legge: “Ecco come vengono festeggiati alcuni battesimi a Catania, cantanti neomelodici, volti noti della tv commerciale, tutti invitati e pagati chissà quanto per la grande festa. Manifesti 6×3 in giro per la città, la data ma non il luogo dell’evento che pare sia una grande villa privata”. “Venire a conoscenza che in provincia di Catania ci siano ostentazioni di questo tipo, al di là della famiglia sia o meno affiliata a cosa nostra – ha dichiarato Matteo Iannitti a Sud Press – dovrebbe far scattare un campanello d’allarme sulla cultura mafiosa che ormai ha impregnato parte della società catanese”. Il senatore M5S Mario Michele Giarrusso è subito intervenuto denunciando il tutto al sindaco di Catania e al prefetto, per quello che a suo parere è un gesto in pieno stile Casamonica.
Ma alcuni ospiti citati nel manifesto, hanno già preso le distanze dall’evento. Il cantastorie Luigi Di Pino avrebbe già annunciato la sua mancata partecipazione alla festa in programma in una villa privata del giarrese. Mentre Radio Universal che, secondo quanto pubblicizzato, avrebbe dovuto trasmettere la diretta della festa precisano sui social network i fratelli Emilio e Isidoro Raciti: “Abbiamo saputo solo adesso, grazie al manifesto, di questa festa. Faccio i miei più sinceri auguri al piccolo Antonio, ma nello specifico non penso che la Radio Universal citata siamo noi, anche se quello è un nostro marchio ormai datato. Siamo stati avvicinati, mi si dice, per sapere se si poteva fare tutto questo, ma non è stato stilato nessun preventivo ma soprattutto conseguentemente non ci è stata data nessuna conferma. Il marchio esposto nel manifesto 6×3 non è quello ufficiale dell’emittente”. Poi concludono i titolari della radio: “Mi spiace puntualizzare tutto questo ma visto che siamo impegnati in altro luogo, giustamente allertati dal doppio impegno, siamo costretti a confermare la serata che faremo come emittente altrove e quindi non per il piccolo. Auguro ancora le migliori fortune”.battesimo_bimbo_rimozione_6x3
Pare non vi siano state smentite di partecipazione da parte degli altri ospiti: Angela la favolosa cubista, di Uomini e Donne, Andrea Azzurra, di “The voice”, Claudio Tropea, di “Io canto” e i cantanti neomelodici Gianni Narcy e Dany Diamante.
L’avvocato Enzo Iofrida, nell’interesse del proprio assistito F.R., padre del bambino raffigurato nei manifesti, spiega che non era intenzione del padre destare tanto scalpore. Aveva la foto del figlio col berretto ed ha pensato di scrivere quella frase. Il suo era un intento assolutamente goliardico che non aveva fatto i conti la classica “ricerca della notizia a tutti i costi”. Lo stesso poi evidenza che il suo assistito sta provvedendo a coprire i manifesti e gli preme sottolineare che il tutto non voleva essere una mancanza di rispetto o provocazione nei confronti della Chiesa o delle Istituzioni.

Anche il cantastorie Luigi Di Pino avrebbe già annunciato la sua mancata partecipazione alla festa in programma in una villa privata del giarrese. Sembra invece confermata, o perlomeno non smentita, la presenza degli altri ospiti, Angela la favolosa cubista, da Uomini e Donne, Andrea Azzurra, da “The voice”, Claudio Tropea, da “Io canto” ed i cantanti neomelodici Gianni Narcy e Dany Diamante.

L’avvocato Enzo Iofrida, nell’interesse del proprio assistito F.R., padre del bambino raffigurato nei manifesti, rappresenta che non era sua intenzione destare tanto scalpore. Aveva la foto del figlio col berretto ed ha pensato di scrivere quella frase. Il suo era un intento assolutamente goliardico che non aveva fatto i conti la classica “ricerca della notizia a tutti i costi”. Lo stesso sta provvedendo a coprire i manifesti e gli preme sottolineare che il tutto non voleva essere una mancanza di rispetto o provocazione nei confronti della Chiesa o delle Istituzioni.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook