Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PROCESSO LOMBARDO: PER L’EX PRESIDENTE CHIESTI UN ANNO E 2 MESI

PROCESSO LOMBARDO: PER L’EX PRESIDENTE CHIESTI UN ANNO E 2 MESI

Nel corso del processo per voto di scambio che si è tenuto nell'ex pretura di Catania sono stati chiesti per l'ex presidente della Regione Siciliana un anno e due mesi. Per il figlio Toti e gli altri tre imputati Ernesto Privitera, Giuseppe Giuffrida e Angelo Marino, chiesti dieci mesi.

 

PROCESSO LOMBARDO: PER L’EX PRESIDENTE CHIESTI UN ANNO E 2 MESI –

Processo Lombardo. Per l’ex presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo sono stati chiesti un anno e due mesi, mentre per il figlio Toti, attualmente deputato regionale l’accusa ha chiesto 10 mesi di reclusione. Una richiesta di condanna a 10 mesi di reclusione è stata avanzata anche per gli altri tre imputati, Ernesto Privitera, Giuseppe Giuffrida e Angelo Marino, accusati nello stesso procedimento di aver beneficiato di posti di lavoro. Durante l’udienza del processo per voto di scambio per l’ex leader del Mpa e per il figlio che si è tenuta nell’ex pretura di Catania, i pm Lina Trovato e Rocco Liguori, al termine della requisitoria hanno avanzato la richiesta di condannagli imputati erano in aula assistiti dall’avvocato Salvo Pace. al termine della requisitoria Lombardo ha reso dichiarazioni spontanee e mostrato al giudice monocratico Laura Benanti un messaggio telefonico ricevuto da una donna di Caltagirone della quale ha reso noto solamente il nome di battesimo: Mariuccia. La signora chiedeva all’ex presidente della Regione un aiuto per trovare un posto di lavoro. Durante le sue dichiarazioni Lombardo ha detto: “Se ne intercettassero il contenuto si tratterebbe di voto di scambio?”. Intanto, Il giudice Benanti ha fissato le date delle prossime udienze che si terranno il 15 ottobre per le repliche dei difensori, e il 29 ottobre per la sentenza.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook