PETROLCHIMICO PRIOLO: MUOIONO DUE OPERAI

PETROLCHIMICO PRIOLO: MUOIONO DUE OPERAI

Due operai trentenni che lavorano per una ditta dell’indotto del Petrolchimico di Priolo sono morti mentre stavano effettuando lavori di manutenzione: sarebbero caduti all'interno di una delle vasche di raccolta olii. Sul posto è atteso il magistrato che ha già disposto il sequestro dell'area.

 

PETROLCHIMICO PRIOLO: MUOIONO DUE OPERAI –

Petrolchimico Priolo. Tragedia sul lavoro questa mattina poco dopo le ore 11. L’incidente mortale si è verificato nel polo petrolchimico di Priolo Gargallo in provincia di Siracusa, all’interno dell’impianto Versalis, ex Icam: le vittime sono Salvatore Pizzolo, di 37 anni, e Michele Assente, di 33 anni, quest’ultimo sarebbe diventato papà tra circa 15 giorni. I due operai trentenni di un’azienda metalmeccanica dell’indotto erano in procinto di effettuare lavori di manutenzione, ad un tratto pare siano caduti all’interno di una delle vasche di raccolta olii, tecnicamente chiamate Api. I sindacati intanto hanno proclamato per domani lo sciopero generale, al quale aderiranno tutte le categoria che lavorano nella raffineria e nell’indotto. Sul luogo della tragedia è atteso il magistrato che ha già disposto il sequestro dell’area.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook