Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MESSINA: UCCIDE LA MOGLIE PER GELOSIA

MESSINA: UCCIDE LA MOGLIE PER GELOSIA

Si chiamava Mayma Bengalloum, 33 anni, uccisa per gelosia dal marito tunisino. L'omicidio è avvenuto a casa della coppia, nel villaggio Sperone. L'uomo è in stato di fermo e si è costituito alla polizia questa mattina.

 

 

MESSINA: UCCIDE LA MOGLIE PER GELOSIA –

Messina. Caso di uxoricidio nel capoluogo peloritano. Un tunisino di 52 anni ha ucciso per gelosia la moglie, Mayma Bengalloum, di 33 anni. L’omicidio è avvenuto a casa della coppia, nel villaggio Sperone. L’uomo è già in stato di fermo e si è costituito alla polizia questa mattina. Dalle prime indagini l’extracomunitario abbia agito per gelosia, colpendo la donna in testa con un bastone fino a ucciderla. I due abitavano da qualche tempo a Messina e dal loro matrimonio sono nati quattro figli. Mayma Bengalloum svolgeva la professione di mediatrice culturale e proprio ieri sera si trovava al molo Marconi del porto di Messina per assistere la polizia durante lo sbarco dei migranti. Le quattro figlie della coppia che hanno dai 2 ai 12 anni sono state affidate al Centro per minori di Saponara. Il marito svolgeva lavori saltuari e spesso aveva crisi di gelosia.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook