Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

OMICIDIO BIANCAVILLA: L’UXORICIDA DAVANTI AL GIP

OMICIDIO BIANCAVILLA: L’UXORICIDA DAVANTI AL GIP

Vincenzina Ingrassia, 63 anni, dopo un lungo interrogatorio è crollata raccontando agli investigatori la sua storia: "Ero stanca di subire i suoi scatti violenti". Così Alfio Longo è stato ucciso con lo stesso blocco di legno con il quale la sera prima aveva picchiato la moglie. Durante la perquisizione in casa, le forze dell’ordine hanno trovato armi e droga. La donna per tre ore davanti al gip di Catania per la convalida dell'arresto che la vede imputata di uxoricidio. Intanto la difesa sostiene la tesi del delitto d'impeto. L’avvocato: "E' una casalinga che è esplosa in un gesto estremo".

 

OMICIDIO BIANCAVILLA: L’UXORICIDA DAVANTI AL GIP –

Biancavilla. In merito all’omicidio avvenuto a Biancavilla località in provincia di Catania, già non quadravano molte cose. Poi è venuta fuori la verità. A uccidere ieri nella sua villa di Biancavilla Alfio Longo, 67 anni, non è stato un bandito ma la moglie, Vincenzina Ingrassia, 63 anni, che in prima battuta aveva inscenato una rapina per liberarsi di quel marito classificato da lei “violento” dal quale era costretta a “subire le aggressioni”. La donna è stata fermata da carabinieri di Catania con provvedimento è stato emesso dal procuratore Michelangelo Patané dopo un lungo interrogatorio durante il quale Vincenzina è crollata confessando l’omicidio. Il fermo e l’ammissione di colpa. Poi i chiarimenti, in una affollata conferenza stampa in procura a Catania. Oggi la donna si è presentata davanti al Gip Loredana Pezzino. L’interrogatorio, alla presenza del legale di fiducia, Luigi Cuscunà, e il sostituto procuratore Raffaella Vinciguerra, nel carcere di Catania, è durato circa tre ore. All’uscita dal carcere l’avvocato Cuscunà, legale della donna ha riferito sui contenuti dell’interrogatorio. Il penalista conferma di avere chiesto per la sua assistita “gli arresti domiciliari in una struttura protetta, ma la Procura insiste – aggiunge – negli arresti in carcere giustificandola con l’inquinamento delle prove, anche di fronte a una confessione chiara e dettagliata”.
La donna, avrebbe raccontato ai militari dell’Arma di continue violenze subite da parte del marito negli ultimi 40 anni e da ultimo un litigio avuto proprio la sera fatidica durante il quale l’uomo avrebbe colpito la donna alle gambe proprio con quella che poi sarebbe diventata l’arma del delitto. La signora, a questo punto, ha aspettato che il marito si addormentasse e, disperata, lo ha colpito alla testa proprio con lo strumento con il quale era stata percossa poco prima.
Un altro dubbio che avevano gli investigatori era la scelta dell’obiettivo da parte dei rapinatori: una villetta di lavoratori, ma non di persone ricche. In una zona, hanno raccontato i vicini, che “è stata sempre tranquilla”. E infine anche il bottino: poche centinaia di euro e, soprattutto due anelli dell’uomo, compresa la fede nuziale della vittima, e non quella della moglie. Un particolare quest’ultimo che oggi ha un’altra chiave di lettura: non una rapina, ma una separazione violenta con omicidio.
Tra gli indizi che non hanno convinto i militari dell’Arma, anche il disordine apparente: la casa era quasi in ordine e nulla era buttato per terra con i cassetti appena socchiusi. Altro particolare che non combaciava la dichiarazione che in casa non ci fossero soldi o armi, che sono stati invece trovati. La donna aveva affermato che il marito aveva fatto dei prelievi nel pomeriggio, ma un rapido controllo l’ha smentita. Lavoro svolto dagli investigatori, ha spiegato il colonnello Casarsa – tutto ciò è stato possibile grazie all’ impiego di personale altamente specializzato come l’arrivo a Catania di militari della sezione crimini violenti del Ros, che ha reso più veloci tutti gli accertamenti. Secondo il colonnello Casarsa sembra che per Vincenza sia arrivata la liberazione tanto attesa: “La donna ha provato più vergogna per anni di soprusi che rimorso per il gesto estremo – ha concluso il comandante dei carabinieri – Si è liberata di un fardello fatto di anni di violenza di ogni genere. Ha detto che lui la massacrava da anni ma ci ha anche chiesto ma questo si saprà in Paese?”. Durante una perquisizione, i carabinieri hanno scoperto che nella villa c’erano circa venti piante di marijuana e un locale, nella mansarda, allestito per essiccare e conservare la droga. Trovati anche un fucile calibro 12 e una pistola automatica calibro 9. Intanto l’avvocato della donna avrebbe chiesto la detenzione cautelare in una comunità protetta o agli arresti domiciliari. “La signora – spiega il legale – ha confessato, e quindi non può inquinare le prove, non c’è neppure pericolo di fuga o la possibilità che possa reiterare il reato. La detenzione in carcere per noi è afflittiva e non giustificata”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook